Borse 23 aprile, Milano ha chiuso in rosso. Lo spread continua la sua leggera risalita.

MILANO – Borse 23 aprile 2021. E’ stata una chiusura sottotono per i mercati europei nonostante le buone notizie che sono arrivati dal settore manifatturiero. Nel mese di aprile il dato è salito a 63,3, segnando il record assoluto dal 1997. Al top anche il dato composito, arrivato a 53,7 punti.

Un cambio di passo, almeno a Piazza Affari, potrebbe arrivare dalla prossima settimana. La conferma del rating di Standard and Poor’s e le riaperture potrebbero consentire agli investitori di puntare sul listino italiano, ma si tratta di un’arma a doppio taglio. Una nuova chiusura, infatti, potrebbe dare il colpo definitivo all’economia italiana.

Borse 23 aprile, Milano in rosso

In questa ultima seduta della settimana Milano ha lasciato per strada lo 0,05%. A Piazza Affari da registrare un balzo importante di Tod’s. L’indice ha guadagnato dieci punti dopo l’annuncio di Lvmh di un incremento al 10% della partecipazione nella società. In difficoltà anche gli altri indici europei. Londra si è difesa in qualche modo con un rosso dello 0,01%. Peggio hanno fatto Parigi e Francoforte. I due indici hanno lasciato strada rispettivamente lo 0,15% e lo 0,18%.

La giornata dei mercati si era aperta con un andamento contrastato in Asia. Chiusura in negativo per Tokyo (-0,57%), mentre Shanghai (+0,26%), Seul (+0,23%) e Hong Kong (+1,04%) hanno chiuso in positivo.

Wall Street
Wall Street

I mercati in tempo reale

Spread in leggero rialzo. Anche il petrolio in crescita

Lo spread ha registrato un leggero rialzo rispetto alla seduta del giovedì. Il differenziale ha chiuso in area 103 punti nel giorno della chiusura del terzo Btp Futura, con gli ordini che hanno superato i 5 miliardi. Tra le materie prime da segnalare una crescita dell’oro. Il metallo prezioso ha guadagnato lo 0,13% passando di mano a 1.786,21 dollari l’oncia.

Per quanto riguarda il petrolio, invece, il contratto Wti ha guadagnato l’1,58% chiudendo a 62,39 dollari. Bene anche il Brent con un +1,3% a 66,25 dollari al barile.


Standard and Poor’s conferma il rating dell’Italia. Nel 2021 Pil a +4,7 per cento

Recovery plan, esame di Stato abolito, basterà la laurea. Quali sono le professioni interessate