Borse 23 luglio 2021, ultima seduta della settimana per i mercati del Vecchio Continente. Bene Milano.

MILANO – Borse 23 luglio 2021. Dopo un giovedì sicuramente positivo, i mercati del Vecchio Continente hanno chiuso la settimana con diverse incertezze anche se in positivo. La variante Delta resta un rischio per la ripresa economica, anche se le parole del premier Draghi hanno consentito agli investitori di guardare con fiducia ai prossimi mesi. Il cammino, però, resta complicato e tutto sarà deciso dall’andamento dei contagi.

Milano in positivo

Chiusura della settimana in positivo per Milano. Piazza Affari in questa sessione ha guadagnato l’1,29%. Meglio dell’indice italiano ha fatto solamente Parigi con un rialzo dell’1,35%. Bene anche gli altri listini: Londra ha registrato un positivo dello 0,85%, mentre Francoforte ha visto una crescita dell’1% rispetto alla giornata di giovedì.

In Asia c’è stata una giornata complicata. Con Tokyo ancora chiusa per festività, Shanghai e Hong Kong hanno perso rispettivamente lo 0,89% e l’1,24%. Bene, invece, Seul con un guadagno dello 0,13%. Un trend che potrebbe cambiare nella prima seduta della prossima settimana. A Wall Street, infatti, c’è stata una chiusura in positivo in questa ultima seduta. Il Dow Jones ha guadagnato lo 0,68%. Ha fatto meglio il Nasdaq con un guadagno dell’1,04%.

Green Pass, tutte le regole dal 1 settembre

Wall Street
Wall Street

I mercati in tempo reale

Spread in calo

Nuova giornata in calo anche per lo spread. Il differenziale nella seduta di venerdì ha chiuso in area 104 punti (due punti in meno rispetto a giovedì), con il differenziale che si è confermato intorno allo 0,21%.

Seduta, invece, più difficile per l’euro. La moneta europea ha chiuso la settimana passando di mano a 1,1765 dollari e 129,75 yen. Continua, invece, il calo del petrolio. Il contratto Wti, in scadenza a settembre, ha registrato una perdita dello 0,24% a 71,74 dollari al barile. Debole anche l’euro sui mercati asiatici chiudendo a 1.803 dollaro l’oncia, con un guadagno dello 0,2% rispetto alla giornata precedente.


Infortuni sul lavoro, numeri in aumento rispetto al 2020

Covid, emergenza “Pingdemic” nel Regno Unito. Cosa significa