Borse 24 febbraio, i mercati europei ritornano in positivo. Milano ha guadagnato lo 0,69 per cento. Spread di nuovo in salita.

MILANO – Borse 24 febbraio. Dopo un inizio di settimana molto complicato, i mercati sono ritornati in positivo con la spinta delle dichiarazioni della Fed di Jerome Powell al Senato Usa. Un sostegno all’economica americana che ha portato Wall Street in positivo e anche il Vecchio Continente.

A dare una spinta importante ai mercati anche il via libera di Fda a Johnson&Johnson. Una prima approvazione che potrebbe Ema ad autorizzare il vaccino in breve tempo. La discussione è prevista per l’11 marzo, ma il premier Draghi chiede all’Unione Europea una accelerazione per arrivare ad un via libera il prima possibile.

Borse 24 febbraio, Piazza Affari in positivo

Giornata positiva per Piazza Affari. Milano ha segnato un progresso dello 0,69% con Tim che ha avuto un rialzo intorno al 9%. Meglio dell’indice italiano solo Francoforte con un rialzo dello 0,8% rispetto alla giornata precedente. Un cammino più debole per Londra (+0,53%) e Parigi (+0,31%).

La giornata dei mercati si era aperta con il rosso asiatico. Tokyo ha lasciato per strada l’1,61%. Male anche Shanghai (-1,99%), Seul (-2,45%) e Hong Kong (-3,03%). Come detto, Wall Street ha segnato un rialzo dopo alcune sedute contrastate. Il Nasdaq ha registrato un rialzo dello 0,99%. Meglio il Dow Jones con una crescita dell’1,35%.

I mercati in tempo reale

Wall Street
Wall Street

Spread in rialzo

Lo spread ritorna a sopra i 100 punti per poi scendere e chiudere intorno ai 99 punti. Le tensioni all’interno della maggioranza del Governo Draghi continuano a pesare e il rendimento decennale intorno allo 0,7%. L’euro è ritornato in crescita. La chiusura per la moneta europea è arrivata a 1,2163 dollari e intorno ai 128 yen.

Per quanto riguarda il petrolio, una nuova giornata positiva sia per il Wti di aprile (+2,19% a 53,02 dollari) e per il Brent (2,31% a 55,88 dollari). Si tratta di una crescita importante per il secondo giorno consecutivo.


Milionari, Londra supera New York

Il decreto Milleproroghe è legge