Borse 24 settembre 2021, Piazza Affari chiude la settimana in calo. Spread in rialzo a 100 punti.

MILANO – Borse 24 settembre 2021, ultima seduta della settimana per i mercati europei in calo con un cambio di passo in negativo dopo l’apertura di Wall Street.

Le incertezze restano diverse e negli ultimi giorni il caso di Evergrade potrebbe mettere a serio rischio la ripartenza dell’economia. Ma la presidente della Bce in un’intervista riportata da La Repubblica ha cercato di tranquillizzare gli investitori sicuramente preoccupati dalla crisi del colosso asiatico: “Al momento – ha detto Christine Lagarde quello a cui stiamo assistendo è a un impatto e una esposizione limitata alla Cina. Non posso parlare degli Stati, ma in Europa l’esposizione al momento è limitata“.

Green Pass obbligatorio, tutte le regole da rispettare

Piazza Affari chiude la settimana in negativo

Chiusura della settimana in negativo per Milano. Piazza Affari ha perso lo 0,43%. La peggiore del Vecchio Continente è stata Parigi che ha lasciato per strada lo 0,95%. Male anche Francoforte (-0,72%) e Londra (-0,3%).

Andamento contrastato anche in Asia. La migliore è stata Tokyo con un guadagno del 2,06%. Male tutti gli altri indici: Hong Kong ha perso l’1,45%, Seul lo 0,07% e Shanghai lo 0,8%. Settimana chiusa mista a Wall Street dopo una apertura non sicuramente positiva. Il Dow Jones è riuscito a guadagnare lo 0,10%, mentre il Nasdaq ha perso lo 0,03%.

Wall Street
Wall Street

I mercati in tempo reale

Spread in rialzo

Ritorna in rialzo lo spread. La chiusura del differenziale è avvenuta intorno ai 101 punti con il decennale che si è assestato allo 0,78%. L’euro si è confermato più o meno stabile in questa ultima seduta della settimana. La moneta europea è passata di mano a 1,1715 dollari e 129,67 yen. Per quanto riguarda il petrolio, invece, il contratto Wti ha perso lo 0,56% chiudendo intorno ai 72 dollari al barile.

ultimo aggiornamento: 24-09-2021


Manifestazione Alitalia, manifestanti bloccano la Roma-Fiumicino. Tensioni con la Polizia

I dipendenti pubblici in ufficio dal 15 ottobre, Draghi firma il dpcm