Borse 26 agosto 2021, mercati asiatici contrastati. Chiusura in ribasso per Piazza Affari.

MILANO – Borse 26 agosto 2021. Penultima seduta per i mercati dopo una chiusura contrastata nella giornata di mercoledì. Una sessione molto complicata dopo le dichiarazioni da parte dei falchi della Fed, che spingono per la fine degli stimoli.

Una decisione che sicuramente spaventa gli investitori in un quadro non sicuramente rassicurante. La variante Delta resta un rischio importante e il possibile passaggio della Sicilia in zona gialla potrebbe portare ad un rallentamento della ripresa economica. La speranza resta quella di non avere più restrizioni nel nostro Paese per confermare la ripartenza registrata nelle scorse settimane.

Milano in calo, misti i listini asiatici

Partenza in salita per Milano. Dopo una apertura a -0,37%, Piazza Affari ha continuato la giornata in rosso con una chiusa a -0,6%. Nel Vecchio Continente male anche gli altri indici. Francoforte ha perso lo 0,42%, male anche Londra (-0,35%) e Parigi (-0,16%).

Chiusura mista, invece, a Tokyo. Male Shanghai (-1,09%), Seul (-0,58%) e Hong Kong (-1,14%), mentre Tokyo ha registrato un leggero aumento dello 0,06%. Un trend che potrebbe essere confermato anche nell’ultima sessione della settimana vista la chiusura complicata a Wall Street. Il Nasdaq ha perso lo 0,64%. Leggermente il Dow Jones con un guadagno dello 0,54%.

Green Pass, tutte le regole dal 1 settembre

Wall Street
Wall Street

I mercati in tempo reale

Spread in calo

Lo spread è ritornato in area 107 punti base, con il decennale che si è assestato intorno allo 0,66%. Chiusura poco mossa, invece, per l’euro. La moneta del Vecchio Continente è passata di mano a 1,1760 dollari (0,06%). Il Bitcoin si è stabilizzato intorno ai 47mila dollari dopo la fiammata di inizio settimana e molto probabilmente anche nell’ultima seduta si chiuderà in questa zona.

Per quanto riguarda il petrolio, il contratto Wti in scadenza a settembre ha registrato un rosso dell’1,13% passando di mano a 67,64 dollari al barile.


In Italia cresce il fatturato dell’industria a luglio. Bce: “Varianti Covid insidie per la ripresa”

Incendi, in fumo 158mila ettari. Via libera allo stato di emergenza per Sicilia, Calabria, Molise e Sardegna