Borse 26 marzo. Piazza Affari in positivo. Lo spread resta in area 95 punti.

MILANO – Borse 26 marzo. La settimana per i mercati si è conclusa in positivo grazie alla spinta di Joe Biden sui vaccini. La scommessa del presidente americano di raggiungere 200 milioni di vaccinazione nei primi 100 giorni del mandato ha portato gli investitori a sperare in una ripartenza economica prima del previsto.

Le incertezze, comunque, restano e il cambio di passo potrebbe arrivare solamente con la campagna di vaccinazione. Il rialzo definitivo dei listini dovrebbe esserci solamente da maggio in poi e le prossime settimane dei mercati rischiano di continuare ad essere contrastati.

Borse 26 marzo, Piazza Affari in positivo

La settimana di Piazza Affari si è chiusa in positivo. Milano ha guadagnato lo 0,72% in questa ultima seduta. Da segnalare un importante rialzo da parte di Tim (+3,48%) dopo l’assegnazione dei diritti della Serie A a Dazn. La migliore del Vecchio Continente è stata Londra con un rialzo dello 0,99%. Bene anche Francoforte (+0,87%), mentre Parigi ha registrato un guadagno dello 0,61%, la peggiore dei listini europei.

La giornata dei mercati si era aperta con una chiusura positiva in Asia. La migliore è stata Shanghai (+1,63%). Bene anche Hong Kong (+1,59%) e Tokyo (+1,56%). In rialzo Seul (+1,09%). Un trend che potrebbe essere confermato anche nella prima seduta della prossima settimana visto che il Nasdaq e il Dow Jones hanno guadagnato rispettivamente l’1,24% e l’1,39%.

Wall Street
Wall Street

I mercati in tempo reale

Spread stabile

Per lo spread seduta stabile. Il differenziale ha chiuso in area 95 punti. Anche l’Euro resta sotto 1,18 dollari. La moneta europea è passata di mano a 1,1795 dollari e 129,21 yen.

In ripresa, invece, il petrolio. La chiusura del canale di Suez ha portato il prezzo del gregge a salire e, soprattutto, ha fatto ritornare il contratto Wti, in scadenza a maggio, sopra i 60 dollari con un guadagno del 4%. Bene anche il Brent (+3,8) a 64,3 dollari al barile.


Istat, cala la fiducia dei consumatori. Aumenta quella delle imprese

Il blocco del Canale di Suez costa quasi 10 miliardi di dollari al giorno