Borse 5 ottobre 2021, ritornano in positivo gli indici dopo una piccola frenata nella giornata di lunedì.

MILANO – Borse 5 ottobre 2021. Seconda seduta in positivo per i mercati del Vecchio Continente dopo la leggerissima frenata registrata nella giornata di lunedì.

Una giornata che ha avuto i fari puntati su Evergrande e Facebook. La multinazionale continua ad essere in attesa delle novità sul suo futuro. La trattativa per l’ingresso del gruppo Hong Kong è sicuramente a buon punto, ma non è ancora arrivata alla fumata bianca. Per quanto riguarda l’azienda da Zuckerberg non ci sono stati particolari perdite dopo il black-out del 4 ottobre. La settimana della Borsa nei prossimi giorni entrerà nel vivo nella speranza di poter continuare con il trend positivo e mettere da parte il momento difficile per la pandemia.

Green Pass obbligatorio, tutte le regole da rispettare

Piazza Affari in positivo

Seduta positiva, quindi, per Piazza Affari. Milano, la migliore del Vecchio Continente, ha registrato un guadagno dell’1,95%. In scia Parigi (+1,5%), mentre Francoforte e Londra hanno chiuso rispettivamente a +1,05% e e a +0,94%.

Ancora una volta misti i mercati asiatici. Hong Kong e Shanghai hanno avuto una crescita dello 0,9% e dello 0,37%. In rosso, invece, Seul (-1,89%) e Tokyo (-2,19%). Ritorna in positivo Wall Street. Il Dow Jones ha guadagnato lo 0,92%, il Nasdaq l’1,25%.

Wall Street
Wall Street

I mercati in tempo reale

Spread stabile

Per lo spread una seduta stabile dopo l’accelerata di lunedì. Il differenziale ha chiuso in area 104 punti e non sembrano esserci di una nuova impennata per il futuro. Il decennale si è assestato allo 0,84%. Ritorna in calo, invece, l’euro. La moneta europea è passata di mano a 1,1593 dollari.

Per quanto riguarda il petrolio, nuova seduta positiva per il contratto Wti che ha guadagnato l’1,8% terminando a 79 dollari al barile. In crescita anche il Brent (+1,8%) a 82,77 dollari.

ultimo aggiornamento: 05-10-2021


Tutti gli italiani che hanno vinto il Premio Nobel

Istat, reddito disponibile delle famiglie cresciuto nel secondo trimestre