Borse 6 aprile, apertura della settimana in positivo per i mercati europei. Lo spread ritorna sopra i 100 punti.

MILANO – Borse 6 aprile. Dopo la chiusura per le festività pasquali, i mercati del Vecchio Continente sono ritornati in positivo. Una spinta che sembra arrivare dalle nuove stime di Fmi. Il Pil italiano, rispetto all’ultimo outlook, è stato rivisto in rialzo passando dal 3% dal 4,2%. Una crescita maggiore rispetto agli altri Paesi eurpei.

Una crescita che dovrebbe assestarsi nel 2022. La ripresa dell’economia, però, è fortemente collegata al piano di aiuti. Per questo serve un cambio di passo per consentire all’Italia di ripartire il prima possibile.

Borse 6 aprile, Piazza Affari in positivo

Per quanto riguarda le Borse, Piazza Affari ha registrato un rialzo dello 0,21%. Meglio hanno fatto tutti gli altri indici europei. Francoforte ha guadagnato lo 0,77%, Parigi lo 0,47%. La migliore è stata Londra con una crescita dell’1,32%, spinta dalle possibili riaperture in Inghilterra a partire dal 12 aprile.

Andamento contrastato, invece, nei mercati asiatici. Shanghai e Tokyo hanno perso rispettivamente lo 0,03% e l’1,3%. Meglio, invece, Seul (+0,2%) e Hong Kong (+1,94%). Un trend che potrebbe essere confermato anche nella terza seduta della settimana. Il Dow Jones, infatti, ha perso lo 0,29%. In rosso anche il Nasdaq (-0,05%).

I mercati in tempo reale

Grafico Borsa
Grafico Borsa

Spread in risalita

Lo spread dopo diverse settimane è ritornato sopra i 100 punti. Un andamento da capire se sarà confermato nei prossimi giorni o se si è trattato di una piccola e isolata accelerazione.

In rialzo anche l’euro. La moneta europea è passata di mano a 1,1848 dollari e 130 yen. Le decisioni dell’Opec+, invece, non hanno fatto bene al petrolio. Nell’ultima riunione, infatti, si è deciso di allentare gradualmente i tagli alla produzione per la ripartenza dell’economia. Da qui due giorni di calo prima del rimbalzo in questa seconda seduta settimanale. Il contrato Wti ha guadagnato il 2,5% (sopra i 60 dollari). Bene anche il Brent a 63,51 dollari (2,2%).


Classifica Forbes, Bezos l’uomo più ricco nel 2020. Elon Musk in seconda posizione

Covid, raggiunto l’accordo per la somministrazione dei vaccini in azienda. Le regole