Borse 6 ottobre 2021, Piazza Affari in negativo in questa terza seduta della settimana.

MILANO – Borse 6 ottobre 2021. Nuova seduta in negativo per i mercati dopo un buon andamento di martedì. Volatilità portata sicuramente dalle incertezze sulla ripresa.

Una seduta fortemente in difficoltà anche per la crisi dell’energia. L’intervento di Putin potrebbe portare ad una ripresa dei mercati, ma i dubbi restano diversi e non sarà per nulla semplice riuscire a mettersi alle spalle il momento difficile dovuto alla pandemia. Dando uno sguardo agli Usa, nel mese di settembre il settore privato della prima economia, secondo Adp, ha creato 568mila nuovi posti di lavoro. Si tratta di un numero superiore rispetto ai 425mila stimati e ai 340mila precedenti.

Green Pass obbligatorio, tutte le regole da rispettare

Piazza Affari in negativo

E’ stata una giornata molto complicate per Piazza Affari. Milano ha lasciato per strada l’1,3% rimanendo comunque in scia con gli altri indici. Francoforte ha perso l’1,4%, Parigi l’1,2% e Londra l’1,1%.

Si conferma ancora una volta mista l’Asia. L’unica positiva è stata Shanghai con un +0,9%. Male, invece, tutti gli altri listini: Tokyo (-1,05%), Seul (-1,82%) e Hong Kong (-0,48%). Ritorna in positivo, invece, Wall Street in questa seduta. Il Dow Jones ha guadagnato lo 0,30% e il Nasdaq lo 0,47%.

Wall Street
Wall Street

I mercati in tempo reale

Spread in rialzo

Ritorna ad accelerare lo spread. Il differenziale ha chiuso intorno ai 103 punti con il decennale che è salito allo 0,89%. Anche l’euro continua a frenare in questa settimana. La moneta europea ha perso lo 0,33% passando di mano a 1,5557 dollari.

Per quanto riguarda il petrolio, la seduta si è appesantita dopo il balzo delle scorte settimanali di petrolio. Il contratto Wti in questa seduta ha perso l’1,77% chiudendo intorno ai 77 dollari al barile. Anche il Brent frena con una perdita dell’1,64% a 81,24 dollari al barile.

ultimo aggiornamento: 06-10-2021


A Milano apre il negozio di giocattoli Fao Schwarz, è il primo in Europa

NaDef, via libera della Camera e del Senato alla risoluzione di maggioranza