Borse 6 settembre 2021, Milano apre la settimana in positivo. Lo spread resta stabile.

MILANO – Borse 6 settembre 2021. Si apre una settimana di un mese destinato ad essere decisivo per i mercati e la ripresa dell’economia.

Un inizio quindi positivo per i mercati del Vecchio Continente in attesa della pronunciazione da parte della Bce che dovrebbe arrivare nella giornata di giovedì. Come riportato da La Repubblica, la Banca Centrale Europa dovrebbe pronunciare delle nuove stime economiche elaborate da parte di Francoforte, che potrebbero dare una indicazione più dettagliata sullo stato dell’economia italiana e sulle prospettive future.

Bene Milano

Inizio della settimana positivo per Milano. Piazza Affari in questa seduta ha registrato un guadagno dello 0,76%. Bene tutti gli altri indici del Vecchio Continente. Francoforte è stata la migliore con un rialzo dello 0,96%. Bene anche Parigi (+0,8%), mentre Londra ha registrato un positivo dello 0,68%.

Una prima seduta abbastanza ferma in Asia. L’unico indice aperto è stato Seul con un rialzo dello 0,07%. Chiusa anche Wall Street per il Labor Day. Nei prossimi giorni, quindi, ci aspettiamo un trend sicuramente importante da parte dei mercati, anche se la variante Delta resta un rischio importante per la ripartenza dei mercati.

Green Pass obbligatorio, le regole dal 15 ottobre

Wall Street
Wall Street

I mercati in tempo reale

Stabile lo spread

Chiusura stabile per lo spread. Il differenziale ha terminato la seduta in area 106 punti, con il rendimento decennale che si è assestato allo 0,68%. Per quanto riguarda l’euro, la moneta ha chiuso in area 1,18 dollari al barile dopo aver toccato il massimo della scorsa settimana.

Parlando del petrolio, invece, il contratto Wti, in scadenza ad ottobre, ha registrato una perdita dello 0,2% passando di mano a 69,15 dollari al barile, mentre il Brent (in scadenza a novembre n.d.r.) ha avuto una chiusura in rosso dello 0,26% a 72,42 dollari al barile.

ultimo aggiornamento: 06-09-2021


Conte sicuro, “Draghi non cancellerà il Reddito di Cittadinanza”

Ocse: “Il Pil italiano ai livelli del 2019 entro la prima metà del 2022”