Borse 7 giugno, la settimana per i mercati si apre in positivo. Yellen: “L’inflazione può essere un vantaggio”.

MILANO – Borse 7 giugno. E’ stata una apertura di settimana positiva. La ripresa dell’economia e i numeri bassi della pandemia stanno portando gli investitori a scommettere sui mercati e i risultati iniziano a vedersi. A preoccupare continua ad essere l’inflazione, ma Janet Yellen a Bloomberg rassicura: “Abbiamo combattuto l’inflazione troppo bassa – ha detto riportata da La Repubblicae i tassi troppo bassi ora per un decennio e se questo aiuta un po’, allora non è una brutta cosa, ma una buona cosa“.

Parole che sembrano rassicurare i mercati e il cambio di passo sembra essere ormai arrivato. E le prossime settimane saranno decisive.

Borse 7 giugno, Piazza Affari in positivo

Nella prima giornata dei mercati nel Vecchio Continente la migliore è stata Milano con un guadagno dello 0,99%. Un buon inizio per Piazza Affari con Londra (+0,12%) e Parigi (+0,43%) le altre due che hanno registrato un trend positivo. A frenare un po’ a sorpresa è Francoforte con un rosso dello 0,43%.

La settimana si era aperta con un andamento importante in Asia. La migliore è stata Seul con un guadagno dello 0,37%. Bene anche Tokyo (+0,27%) e Shanghai (+0,22%), mentre l’unica a chiudere in negativo è stata Hong Kong con un rosso dello 0,49%. Un trend che potrebbe essere confermato anche nella giornata di martedì. Chiusura contrastata, infatti, a Wall Street. Il Nasdaq ha guadagnato lo 0,49%, mentre il Dow Jones ha perso lo 0,36%.

Wall Street
Wall Street

I mercati in tempo reale

Spread in area 110 punti

Continua ad essere stabile lo spread. Il differenziale ha chiuso in area 110 punti. Per l’euro da registrare una nuova giornata poco mossa. La moneta del Vecchio Continente è passata di mano a 1,2163 dollari e 133,16 yen.

In leggero calo, invece, le quotazioni del petrolio. Il contratto Wti ha chiuso la giornata in area 69 dollari con un rosso dello 0,32%.


Landini: “Prorogare il blocco dei licenziamenti”

Franco: “Possibile una revisione al rialzo del Pil”