Borse 7 settembre 2021, come è andata la giornata dei mercati
Vai al contenuto

Direttore: Alessandro Plateroti

Borse 7 settembre, seduta complicata per i mercati: Piazza Affari in rosso

Borse 7 settembre, seduta complicata per i mercati: Piazza Affari in rosso

Borse 7 settembre 2021, una seconda seduta per i mercati europei molto complicata. Piazza Affari chiude in rosso.

MILANO – Borse 7 settembre 2021. Dopo l’apertura in positivo della settimana, i mercati sono ritornati in rosso in questa seconda seduta della settimana anche in attesa della Bce.

L'opinione di Claudio Brachino

Buone notizie, invece, arrivano dalla Bankitalia. Nell’indagine straordinaria sulle famiglie italiane è emerso che nel mese di aprile le attese delle famiglie sono migliorate, anche se la situazione economica era comunque molto complicata. Molti nuclei, infatti, hanno ricevuto uno stipendio inferiore a quello prima della pandemia e soprattutto in quel periodo i consumi erano condizionati dalla pandemia. Sicuramente c’è grande curiosità di conoscere i prossimi report. La speranza è quella di confermare una crescita della fiducia e, soprattutto, una ripresa dei consumi.

Milano in rosso

Come detto, la seconda seduta della settimana si è chiusa in rosso per Milano. Piazza Affari ha perso lo 0,72%, diventando la peggiore del Vecchio Continente in questa sessione. Leggermente migliori Francoforte (-0,56%), Londra (-0,48%) e Parigi (-0,26%), ma la chiusura è stata comunque negativa.

Chiusura mista, invece, in Asia. Bene Tokyo (+0,86%), Shanghai (+1,51%) e Hong Kong (+0,85%), mentre l’unica in negativo è stata Seul (-0,61%). Prima seduta della settimana per Wall Street e l’andamento contrastato potrebbe influenzare anche la seduta di mercoledì dei mercati. Il Dow Jones ha perso lo 0,76%, mentre il Nasdaq ha guadagnato lo 0,07%.

Wall Street
Wall Street

I mercati in tempo reale

Spread in rialzo

Chiusura in rialzo per lo spread. Il differenziale è ritornato intorno ai 107 punti, con il decennale che si è assestato allo 0,75%. Per l’euro una seconda seduta settimana in rosso. La moneta europea ha perso lo 0,26% passando di mano a 1,1839 dollari al barile.

Frena anche il petrolio in questa giornata. Il contratto Wti, in scadenza ad ottobre, ha preso l’1,5% chiudendo a 56,27 dollari al barile.

Riproduzione riservata © 2023 - NM

ultimo aggiornamento: 7 Settembre 2021 23:34

Reddito di Cittadinanza, le remore dell’Ocse: pochi beneficiari hanno trovato lavoro

nl pixel