Borse 8 settembre 2021, Piazza Affari in calo per la seconda seduta consecutiva. Spread in rialzo.

MILANO – Borse 8 settembre 2021. Piazza Affari per la seconda seduta consecutiva ha chiuso in rosso. La svolta potrebbe arrivare solamente nella sessione di giovedì con i numeri della Bce.

Come detto, si tratta dell’ultima seduta prima delle decisioni da parte della Banca Centrale Europea e per questo motivo già nella giornata di giovedì ci aspettiamo una seduta che sarà fortemente condizionata da quanto sarà comunicato da Francoforte. Un trend che continua ad essere fortemente condizionato dalla variante Delta. Le prossime settimane saranno decisive e ci aspettiamo un andamento contrastato almeno fino alla fine di settembre.

Milano ancora in rosso

Nuova seduta in rosso per Milano. Piazza Affari ha chiuso allo 0,76%. Peggio hanno fatto Parigi (-0,85%) e Francoforte (-1,47%), mentre Londra si è assestata in area indice italiano con una perdita dello 0,75%.

Chiusura mista anche in Asia. L’unica in rialzo è stata Tokyo con un guadagno dello 0,89%. Male, invece, tutti gli altri indici. Lo Shanghai ha perso lo 0,04%. Peggio hanno fatto Hong Kong (+0,34%) e Seul (+0,77%). Un trend che rischia di essere confermato anche in questa seconda parte di settimana visto le difficoltà registrate a Wall Street. Il Dow Jones ha perso lo 0,20%, mentre il Nasdaq ha lasciato per strada lo 0,57%.

Green Pass, tutte le regole dal 1 settembre

Wall Street
Wall Street

I mercati in tempo reale

Spread in leggero rialzo

Lo spread è ritornato in leggero rialzo. Il differenziale ha chiuso in area 108 punti, con il decennale si è assestata intorno allo 0,75%. La moneta europea poco mossa rispetto ai giorni precedenti. La moneta europea è passata di mano a 1,1832 dollari.

Per quanto riguarda il petrolio, è stata una giornata positiva. Sia il contratto Wti che il Brent hanno registrato un rialzo rispetto a giovedì.


Brunetta: “Lo smart working non può essere il lavoro del futuro”

Ita, nessun accordo con i sindacati. Filt: “Governo assente, rischio tensione sociale”