La bozza del Piano Nazionale di Rilancio al vaglio del governo. Crisi economica legata al Covid devastante, non c’è tempo da perdere.

Arrivano le prime indiscrezioni sulla bozza del Piano Nazionale di Rilancio che dovrebbe partire il prossimo mese di settembre.

Giuseppe Conte
Roma 20/08/2019 – Crisi di Governo. Discorso del presidente del Consiglio al Senato della Repubblica / foto Samantha Zucchi/Insidefoto/Image nella foto: Giuseppe Conte

I pilastri del Piano Nazionale di Rilancio

Sono tre i pilastri del piano ideato dal governo italiano:

modernizzazione del Paese

transizione ecologica

inclusione sociale e territoriale e parità di genere

I tre pilastri che evidentemente ricalcano le richieste dell’Unione europea, disposta a mettere sul piatto ingenti quantità di denaro a patto che gli Stati lavorino in ottica futura. Per portare l’Ue a fare un balzo in avanti verso il futuro.

Roberto Gualtieri

Gualtieri, ‘Crisi devastante, non c’è tempo da perdere’

Nella premessa alla bozza del Piano Nazionale di Rilancio, il ministro dell’Economia Roberto Gualtieri evidenzia come non si debba perdere tempo e si debba agire tempestivamente per evitare una depressione economica legata inevitabilmente agli effetti “devastanti” dell’epidemia.

Roberto Gualtieri

Le riflessioni sull’alleggerimento della pressione fiscale

Nella bozza del Piano, come riportata dall’ANSA, si conferma l’impegno del governo per l’alleggerimento della pressione fiscale. Nelle prossime settimane dovrebbero arrivare indicazioni sul taglio dell’Iva, una delle ipotesi al vaglio delle forze di maggioranza. In occasione dell’ultimo question time alla Camera il Presidente del Consiglio aveva ipotizzato un taglio dell’Iva per le persone che procedevano con il pagamento tramite moneta elettronica.

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro


Lagarde: “Il coronavirus cambierà profondamente la nostra economia”

‘Rom e topi’, la rete contro Salvini