Brasile, condannato l’ex presidente Lula: dovrà scontare 9 anni e 6 mesi

Lula è stato condannato di primo grado a 9 anni e 6 mesi per corruzione. Non andrà in carcere fin quando non sarà confermata la pena.

chiudi

Caricamento Player...

L’ex presidente brasiliano Lula nella giornata odierna è stato condannato in primo grado a nove anni e sei mesi per corruzione in uno dei processi dell’inchiesta “Lava Jato” – la Mani Pulite del paese sudamericano, lo scandalo per i fondi neri del colosso petrolifero Petrobras – nei quali era imputato. La sentenza è stata letta dal giudice Sergio Moro, responsabile delle indagini sulla trama di corruzione legata alla compagnia petrolifera statale. Lula è stato dichiarato colpevole di corruzione attiva, passiva e riciclaggio di denaro.

L’ex presidente Lula non andrà in carcere: difficilmente potrà ripresentarsi

L’ex presidente del Brasile Lula non verrà portato in carcere finché la condanna non verrà confermata in appello ma questa situazione non permetterà a Lula di ripresentarsi nuovamente alle elezioni presidenziali previste per l’ottobre del prossimo anno come aveva deciso di fare in precedenza. La condanna emessa dal giudice Moro riguarda il primo caso nel quale Lula è stato coinvolto: i lavori di ristrutturazione di un appartamento “Triplex”, in una località balneare, Guaruja. Moro ha confermato che i lavori di ristrutturazione nascondevano in realtà una tangente legata allo scandalo Petrobras, di 3,7 milioni di rejas.