Una sommossa scoppiata la notte scorsa nel carcere Anisio Jobim di Manaus, in Brasile, ha causato oltre 50 vittime tra cui  6 detenuti decapitati

Una sommossa scoppiata la notte scorsa nel carcere Anisio Jobim di Manaus, in Brasile, ha causato oltre 50 vittime tra cui  6 detenuti decapitati. La rivolta scoppiata, secondo il segretario di Pubblica sicurezza di Amazonas, Sergio Fontes, ha un conteggio preliminare effettuato dalle forze dell’ordine, entrate all’interno del penitenziario al termine della ribelli “tra i 50 e i 60 morti”.   All’origine della ribellione – informano le autorità locali – ci sarebbe una rissa tra gang rivali, la Familia do Norte e il Primeiro Comando da Capital.

Fonte: Ansa.it


Attentato a Baghdad nel giorno della visita di Hollande: più di trenta le vittime

Giallo sul Titanic: la nave a picco a causa di un incendio