Brexit, May: se bocciate il mio accordo non potremmo lasciare l'UE

Brexit, l’appello della May: se bocciate il mio accordo non potremmo lasciare l’UE

Nuovo appello di Theresa May al Parlamento per la Brexit: “Approvate il mio accordo altrimenti non so cosa accadrà”.

LONDRA (INGHILTERRA) – Il 29 marzo 2019 è sempre più vicino ma il destino dell’Inghilterra resta in bilico. Il Parlamento non ha ancora approvato l’accordo sulla Brexit e il rischio no deal si fa sempre più incombente. In vista della nuova votazione di martedì 12 marzo la leader Theresa May lancia un nuovo appello alla Camera dei Comuni.

Approvatelo e il Regno Unito – dichiara la premier britannica riportata da Repubblica lascerà l’Unione Europea. Se bocciate il negoziato nessuno sa cosa accadrà. Potremmo non lasciare l’UE per diversi mesi oppure separarci senza accordo ma anche non lasciarla più. Se ci sarà il no dei deputati sarà un momento di crisi senza conoscere il futuro“.

Brexit
fonte foto https://twitter.com/XinhuaItalia

Brexit, Theresa May lancia un appello al Parlamento in vista della prossima votazione

Ore, giorni decisivi per il futuro del Regno Unito. L’Unione Europea in più di un’occasione ha confermato la sua posizione sulla Brexit. O quell’accordo oppure nulla ma dal Parlamento ancora non è arrivata una decisione definitiva. Martedì 12 marzo 2019 è prevista una nuova votazione che potrebbe essere decisiva per la separazione dall’Unione Europea.

La leader conservatrice Theresa May ha chiesto alla Camera dei Comuni di dare il via libera al negoziato per cercare di iniziare le pratiche in vista del 29 marzo. Ma un nuovo no potrebbe aprire scenari finora mai considerati. Il no deal resta l’eventualità più probabile ma la premier britannica ha anche aperto ad una possibilità di rinvio della Brexit o addirittura di un ripensamento definitivo. Il futuro del Regno Unito resta in bilico come anche quello del governo. L’opposizione continua ad attaccare e non è escluso che nelle prossime ore possa arrivare una nuova mozione di sfiducia nei confronti della May, idea che nelle scorse settimane non è andata a buon fine.

ultimo aggiornamento: 08-03-2019

X