Brexit, il Parlamento chiamato a votare l’accordo tra la May e Bruxelles

Il 15 gennaio 2019 il Parlamento sarà chiamato a votare la Brexit. La maggioranza non c’è ma la premier britannica spera nell’accordo.

LONDRA (INGHILTERRA) – Dopo lo stop per le vacanze natalizie, il Parlamento inglese è ritornato al lavoro per parlare della Brexit con il voto decisivo fissato per giovedì 15 gennaio 2019. In quella data la Camera dei Comuni dovrà decidere se approvare oppure no l’accordo trovato da Theresa May con Bruxelles. Secondo quanto riportato dalla BBC, non c’è la maggioranza per la premier britannica che attende con ansia questa prova del nove.

In caso di bocciatura da parte del Parlamento non è escluso che l’opposizione proponga una mozione sfiducia per fare cadere il governo della May. Al momento si tratta solamente di indiscrezioni che potrebbero essere confermate nei prossimi giorni.

Theresa May
Theresa May (fonte foto https://twitter.com/10DowningStreet)

Brexit, alcuni parlamentari chiedono accordo con Bruxelles

Un po’ di tensione all’interno del Parlamento per la Brexit. Secondo quanto riportato dalla BBC, sono oltre 200 gli esponenti politici che hanno chiesto a Theresa May di escludere l’uscita dall’Unione Europea senza accordo perché porterebbe una perdita di posti di lavoro. Giorni decisivi per quanto riguarda il futuro della Gran Bretagna con la premier britannica che è chiamata alla prova del Parlamento.

Da Bruxelles hanno chiuso a qualsiasi possibilità di ritrattare in caso di fumata nera da parte della Camera dei Comuni. Quindi la speranza per la leader inglese è quella di avere il via libera definitivo del suo Governo per chiudere definitivamente la questione che tiene banco ormai da diverso tempo. In caso di un sì, le pratiche per l’uscita dall’Unione Europea inizierebbero subito con il 29 marzo del 2019 fissato come la deadline per il definitivo addio a Bruxelles. Nei mesi successi si dovrebbe completare la separazione con la Gran Bretagna che potrebbe conquistare quell’indipendenza decisa da un referendum negli anni scorsi.

ultimo aggiornamento: 07-01-2019

X