Brian Dennehy è morto. Lo sceriffo di ‘Rambo’ aveva 81 anni.

NEW YORK (STATI UNITI) – Lutto nel mondo del cinema. E’ morto all’età di 81 anni Brian Dennehy, conosciuto da tutti per aver preso parte al film Rambo nel ruolo dello sceriffo.

L’annuncio della scomparsa è stato dato dalla figlia Elizabeth ai microfoni di Hollywood Reporter. La donna ha precisato che il decesso è avvenuto per cause naturali che non hanno nessuna correlazione con il coronavirus.

Chi era Brian Dennehy

La carriera di Brian Dennehy sul grande schermo è iniziata nel 1977 con il film di Richard Brooks In cerca di Mr. Goodbar. Un grande successo che ha permesso all’attore di farsi conoscere in tutto il mondo anche se la consacrazione definitiva è arrivata nel 1982 nel film Rambo nel ruolo dello sceriffo Will Teasle.

Diverse le pellicole girate nella sua lunga avventura al cinema anche se pochi come protagonista. L’ultima apparizione è avvenuta nel 2015 nel film Knight of Cups diretto da Terrence Malick. Al suo fianco c’erano altri attori del calibro di Christian Bale, Cate Blanchett e Natalie Portman. Un film che è valso anche la candidatura all’Orso d’Oro al Festival di Berlino.

Brian Dennehy morto

La morte di Brian Dennehy è avvenuta nella notte tra il 15 e il 16 aprile 2016 nella sua casa del Connecticut. L’annuncio del decesso è stato dato dalla figlia Elizabeth che ai microfoni di Hollywood Reporter ha confermato la scomparsa del genitore per cause naturali, smentendo qualsiasi collegamento con il coronavirus.

Un decesso che lascia un vuoto incolmabile nel mondo del cinema visto le diverse partecipazioni a pellicole che hanno scritto la storia del grande schermo. Il ruolo più importante è stato sicuramente quello dello sceriffo Will Teasle in Rambo al fianco di Sylvestre Stallone. E nelle prossime settimane molti ex colleghi lo omaggeranno.

fonte foto copertina https://twitter.com/unfilosottile_


Coronavirus, Facebook scende in campo contro le bufale

In Italia il 90 per cento (circa) della popolazione è potenzialmente a rischio contagio