Bruno Vespa vino Frecciarossa: la polemica che scuote Trenitalia
Vai al contenuto

Direttore: Alessandro Plateroti

Bruno Vespa vino Frecciarossa: la polemica che scuote Trenitalia

Bruno Vespa

Come il vino di Bruno Vespa, servito sui treni Frecciarossa, ha scatenato una polemica. Tutti i dettagli sul caso e le reazioni coinvolte.

Una recente polemica è esplosa sui treni Frecciarossa, dove viene servito il vino prodotto da Bruno Vespa, noto giornalista e produttore vinicolo. La controversia è stata innescata da una lettera inviata da un lettore al quotidiano ‘Repubblica’, in cui si lamentava della presenza del vino di Vespa nella selezione offerta a bordo. Il lettore, che ha viaggiato sulla tratta Ancona-Milano, ha osservato con sorpresa che tra le opzioni disponibili al bar del treno c’era “Il Bruno”, un Primitivo del Salento prodotto dall’azienda vinicola di Vespa.

Come fare soldi con le criptovalute e guadagnare?

Nella sua lettera, il viaggiatore ha espresso perplessità sulla scelta del vino, chiedendosi se fosse effettivamente il risultato di una selezione basata sulla qualità o su altri fattori. Questo commento ha sollevato immediatamente un dibattito sull’opportunità di promuovere prodotti di personaggi pubblici sui servizi di trasporto pubblico.

Bruno Vespa
Bruno Vespa

La risposta di Bruno Vespa

Non è tardata la risposta di Bruno Vespa, che ha prontamente chiarito la situazione. In un’intervista riportata da ‘Dagospia’, Vespa ha spiegato che il vino della sua cantina compare sui treni Frecciarossa da diversi anni, inserito a rotazione insieme a molte altre etichette. La selezione, ha sottolineato, viene effettuata da Elior, la società che cura il catering per Trenitalia.

Il vino che porta il mio nome compare sui Frecciarossa ogni tanto e a rotazione con decine di altre cantine dalla fine dello scorso decennio – ha dichiarato Vespa – e deve essere piuttosto apprezzato visto che venerdì scorso rientrando da Verona ho dovuto dividere con un amico l’ultima piccola bottiglia.

La cantina di Bruno Vespa, Vespa Vignaioli, è situata nella storica Masseria Li Reni, nelle campagne di Taranto. Fondata nel 2014, produce vini tipici della tradizione pugliese come Primitivo, Negroamaro e Fiano. Recentemente, Vespa ha esteso la sua produzione anche al Prosecco, affittando un terreno a Valdobbiadene per creare una linea di Prosecco Docg.

I vini del giornalista prodotti in Puglia

Bruno Vespa non è nuovo al mondo della viticoltura. Dal 2014, la sua cantina Vespa Vignaioli produce una gamma di vini di alta qualità che rappresentano le eccellenze enologiche pugliesi. Il Primitivo di Manduria, uno dei vini più celebri dell’azienda, è conosciuto per la sua intensità e complessità aromatica. Oltre al Primitivo, Vespa produce anche il Negroamaro, diffuso nelle aree di Manduria e Lizzano, e il Fiano, una varietà bianca tipica del territorio pugliese.

La diversificazione della produzione di Vespa include anche il recente ingresso nel mercato del Prosecco, con una nuova linea di Prosecco Docg prodotta a Valdobbiadene. Tra i vini della cantina spicca “Il Re”, un vino rosso capace di esprimere armonia, velluto e una potente concentrazione gustativa.

Il caso del vino di Bruno Vespa sui treni Frecciarossa non è il primo a coinvolgere prodotti di personaggi noti: in passato, chef rinomati come Carlo Cracco hanno firmato i menu offerti sui treni Frecciarossa, dimostrando come il connubio tra eccellenza enogastronomica e servizi di trasporto sia una strategia consolidata per Trenitalia.

Riproduzione riservata © 2024 - NM

ultimo aggiornamento: 3 Giugno 2024 13:02

Paura per Aldo Montano in ospedale: “Com’è andata l’operazione”

nl pixel