Bufera Chelsea, Antonio Conte e Abramovich ai ferri corti

Antonio Conte e Roman Abramovich ai ferri corti. Allenatore sotto esame, contro il Manchester United servono i tre punti. Intanto a Milano Vincenzo Montella ride ma…

chiudi

Caricamento Player...

Aria di tempesta in casa Chelsea dove, per assurdo che possa sembrare, anche un top allenatore come Antonio Conte rischia l’esonero. Vero è che il caso Carlo Ancelotti dovrebbe convincere che nessuno è al sicuro, ma vedere un’altra perla pregiata del nostro calcio fallire all’estero di certo non è un vanto.

La sfida con il Manchester United per risollevare le sorti di Antonio Conte… o avvicinare lo spettro dell’esonero

Secondo quanto riportato dai media inglesi, il rapporto tra Antonio Conte e il presidente del Chelsea Roman Abramovich sarebbe ormai ai minimi storici, con il numero uno dei Blues che ha raggiunto la squadra alla vigilia della delicatissima sfida di Premier contro il Manchester United di Mourinho che intanto ha già preparato l’ascia e il cappuccio del boia nella speranza di liberarsi di un concorrente scomodo dal punto di vista sia calcistico che mediatico. In caso di sconfitta l’ex ct della nazionale azzurra potrebbe essere sollevato dal suo incarico.

Antonio Conte e Arsene Wenger
Antonio Conte e Arsene Wenger

Quale futuro per Antonio Conte?

Per quanto strano possa sembrare, è inevitabile che agli occhi dei rossoneri il destino di Antonio Conte sia legato a quello di Vincenzo Montella, anche lui chiamato a giocarsi il suo posto in panchina nella prossima sfida di campionato che vedrà il Milan impegnato contro il Sassuolo. In caso di esonero di Conte, Massimiliano Mirabelli e Marco Fassone potrebbero tentare un’operazione in stile Leonardo Bonucci per portare a casa il tecnico nell’immediato. Scenario non semplice ma uno come l’ex allenatore bianconero ha bisogno delle emozioni del campo e il Chelsea non vuole sprecare i soldi pagando lo stipendio di un allenatore esonerato. Qualora Conte dovesse invece mantenere il suo posto alla guida dei Blues, allora Montella dovrebbe rimanere al suo posto a prescindere dal risultato ottenuto contro il Sassuolo.