Bugatti Vision Gran Turismo: ai confini della realtà

Bugatti Vision Gran Turismo, ovvero quando la fantasia diventa realtà. L’ultimo favoloso mostro di Molsheim, che verrà presentato in anteprima mondiale allo IAA, non è reale, ma virtuale.

Probabilmente il Grande Ettore Bugatti avrebbe approvato, lui che aveva fatto dell’innovazione estrema il suo credo, oggi avrebbe certamente tratto ispirazione dalla realtà virtuale proposta dai video giochi. È ciò che hanno fatto a Molsheim realizzando la “concept virtuel” Vision Gran Turismo, presentata in anteprima mondiale al prossimo IAA, che si terrà a Francoforte dal 17 al 27 settembre. Si tratta infatti della prima supercar virtuale protagonista di un video gioco.

Bugatti Vision Gran Turismo è stata infatti sviluppata in collaborazione con Poliphony Digital Inc ideatrice del video game di corse automobilistiche “Gran Turismo”. Il design di questa vettura da corsa virtuale vuole essere un richiamo e un omaggio alle Bugatti che negli anni Venti e Trenta trionfarono nelle principali competizioni dell’epoca e soprattutto alla 24 Ore di Le Mans.

«Il Centro stile Bugatti lavora generalmente per la nostra esclusiva cerchia di clienti: con Bugatti Vision Gran Turismo abbiamo avuto l’occasione di aprirci al ben più grande pubblico di tutti i nostri fans appassionati di video giochi». Così il capo design Bugatti Achim Anscheidt e ha aggiunto: «Passare di colpo dai 450 clienti mirati di Veyron a parecchi milioni di fans amanti dei video game e appassionati di vetture ad alte prestazioni, ecco cosa ci ha spinto ad accettare la sfida. Ci siamo divertiti molto a sviluppare questo progetto fuori dall’ordinario».

L’ispirazione è stata l’incredibile Bugatti Type 57 Tank vincitrice a Le Mans nel 1937 e 1939. La Bugatti Vision Gran Turismo virtuale ne vuole essere l’interpretazione moderna, a partire dalla livrea in due diverse sfumature di blu come quella della Type 57 G Tank.

Anche se la Bugatti Vision Gran Turismo è destinata a battersi su circuiti virtuali con vetture che poco hanno a vedere con le “vere” auto da corsa, a diversità di queste è stata disegnata simulando un impiego reale e rispettando le caratteristiche fondanti del marchio: arte, forma, tecnica. Ogni componente virtuale doveva rispondere a precise caratteristiche del mondo reale. La Bugatti Vision Gran Turismo rappresenta quindi quanto di più estremo si possa realizzare.

Nella vista laterale si nota la celebre “linea Bugatti”. La vettura virtuale ha la stessa calandra a ferro di cavallo delle Bugatti reali. La calandra è incorniciata da proiettori a otto ottiche, espressamente messi a punto per la Bugatti Vision Gran Turismo. Un altro elemento tipico del design Bugatti è l’alettone centrale che trova origine nella leggendaria Type 57 Atlantic del 1936. Sulla Bugatti Vision Gran Turismo gli ingegneri hanno rispettato alla perfezione le caratteristiche aerodinamiche come se si trattasse di una vera vettura da corsa. Lo stesso vale per la vistosa presa d’aria NACA.

«Abbiamo voluto creare un progetto il più realistico possibile per i nostri fans e introdurre una vera Bugatti nel mondo virtuale dei video game su PlayStation – spiega Frank Heyl, direttore per lo sviluppo del design esterno Bugatti – ogni forma ha una caratteristica ben definita e una precisa funzione. La Bugatti Vision Gran Turismo è una riuscita sintesi tra tecnica ed estetica».

Ora non resta che guidare la Bugatti Vision Gran Turismo per gioco, tanto più che, se ci sarà un giorno quella vera, se la potranno permettere solo i “soliti” 450.

Clicca sulle foto per ingrandirle ed entrare nella galleria fotografica

ultimo aggiornamento: 04-09-2015

X