Torino, busta sospetta alla Lavazza: soldi o inquiniamo il caffè
Vai al contenuto

Direttore: Alessandro Plateroti

Buste sospette a Lavazza, Ferrero e Vergnano, indagano i carabinieri

Buste sospette a Lavazza, Ferrero e Vergnano, indagano i carabinieri

Allarme bomba nella sede Lavazza di Torino. Una busta sospetta è stata recapitata nella struttura di via Bologna. Sette dipendenti in isolamento.

TORINO – Nuovo allarme bomba a Torino. Questa volta due buste sospette sono state recapitate alla sede di Lavazza, situata in via Torino. All’interno della missiva c’era una polvere verde e per precauzione i sette dipendenti che sono entrati in contatto con questa polvere sono stati messi in isolamento almeno fino alle 19. In questo periodo l’ASL farà tutti i rilevamenti del caso e solamente dopo si potrà sapere qualcosa di più sull’episodio.

Bonus 2024: tutte le agevolazioni

Sulla vicenda indaga la Digos. Secondo le prime indiscrezioni la busta è diversa da quelle recapitate alla sindaca Appendino e al leghista Sciretti. Non è presente la scritta Digos ma al suo posto una lettera in lingua inglese. Sulla missiva – riporta Sky TG24 – ci sarebbe scritto: “Soldi oppure inquiniamo il caffè“.

Si indaga per risalire all’identità dei responsabili e non è escluso definitivamente un collegamento con gli anarchici.

Carabinieri
fonte foto https://www.facebook.com/carabinieri.it/

Torino, busta sospetta alla Lavazza: nuova minaccia firmata dagli anarchici?

La pista anarchica non è stata definitivamente abbandonata dagli inquirenti. In una delle manifestazioni la Lavazza è finita nel mirino degli esponenti di estrema destra e proprio per questo si valuta anche delle ipotesi.

Non è la prima volta che un episodio simile accade a Torino. In passato altre imprese torinesi hanno ricevuto delle lettere simili e si pensa che l’autore possa essere sempre lo stesso. Una richiesta di soldi da parte dell’autore di questo plico anonimo. Questa volta ad essere finita nel mirino degli anarchici la Lavazza con una missiva anonima contenente della polvere verde. Struttura evacuata e sette dipendenti isolati perché entrati in contatto con questa sostanza, della quale non si conosce nulla. Si attendono i rilievi prima di permettere ai lavoratori di ritornare a casa.

Buste sospette a Ferrero e Vergnano: possibile collegamento con la Lavazza

La giornata delle buste sospette non si è fermata alla Lavazza. Nel pomeriggio di venerdì altre missive sono state consegnate allo stabilimento della Ferrero ad Alba (Cuneo) e a quello del Caffé Vergnano in provincia di Torino. La produzione non è stata interrotta e nelle prossime ore verrà analizzata la sostanza presente nel plico.

fonte foto copertina https://www.facebook.com/carabinieri.it

Riproduzione riservata © 2024 - NM

ultimo aggiornamento: 5 Aprile 2019 19:36

Omicidio Murazzi, il killer doveva essere in carcere da mesi

nl pixel