Scoperto il cadavere di un’anziana donna morta in casa da diverse settimane: l’intervento è avvenuto in seguito al terremoto di Ancona.

Le scosse di terremoto verificatesi tra le giornate di ieri sera e stamattina ad Ancona hanno fatto sì che venisse ritrovata un’anziana signora, morta in casa da ormai diverse settimane. Dopo le violente scosse verificatesi lungo tutto il centro-Italia, la figlia dell’anziana ha pensato di telefonare alla madre per sapere come stesse. 

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Il ritrovamento 

Non ricevendo alcuna risposta, ha lanciato l’allarme. Nell’abitazione dell’anziana sono giunti i vigili del fuoco, che una volta entrati all’interno dell’appartamento hanno potuto constatare la morte della donna. Pare che l’anziana pensionata fosse deceduta ormai da diverse settimane.  

Sismografo Terremoto

Difatti, al momento del ritrovamento, il suo corpo si trovava in avanzato stato di decomposizione. La vittima è una donna di 78 anni, residente in un appartamento di via della Ricostruzione, situato a due passi da piazza Ugo Bassi. Secondo quanto emerso, pare che da tempo la donna non avesse più dato notizie di sé, ed i suoi figli avevano fatto altrettanto. 

Poi, in seguito alle violenti scosse di terremoto, la tragica scoperta, quando una delle sue figlie ha telefonato alla madre per sapere come stesse. Dopo aver provato diverse volte a mettersi in contatto con la donna, i familiari più stretti si sono recati nella sua abitazione. Poi l’intervento dei vigili del fuoco.  

I soccorritori, una volta entrati nell’appartamento, hanno constatato la morte della donna: per lei non c’è stato niente da fare. Secondo quanto emerso, diverso tempo prima, in agosto, la donna aveva smesso di rispondere al telefono. Non avendo più sue notizie, i familiari anche quella volta avevano richiesto l’intervento dei vigili del fuoco. Una volta giunti sul posto, avevano constatato che la donna stava bene. Ma stavolta, purtroppo, la vicenda si è trasformata in una tragedia.  

Gli interventi dei vigili del fuoco 

Da quando si è verificata la prima scossa di terremoto, gli interventi dei vigili del fuoco e dei sanitari del 118 sono stati molteplici. La responsabile del Pronto soccorso, Susanna Contucci, ha dichiarato: “Non si tratta di feriti connessi a crolli – dice riferendosi alle telefonate ricevute – ma di traumi minori su persone che stavano scappando dopo le scosse o di crisi di panico per lo spavento subito a causa della scia sismica”.   

Riproduzione riservata © 2022 - NM

giallo

ultimo aggiornamento: 10-11-2022


Terremoto ad Ancona: 80 scosse sopra 2.0 

Anziana uccisa dalla nipote, il papà: «La casa non c’entra»