E’ morto all’ospedale di Reggio Calabria un giovane maliano, vittima di colpi di fucile. Ferite altre due persone. Nella zona della sparatoria (San Calogero, Vibo Valentia) c’è una tendopoli per migranti.

CALABRIA – Una sparatoria avvenuta alle 20.30 circa di sabato 2 giugno 2018 è costata la vita a Sacko Soumayla, un immigrato del Mali di 31 anni residente a San Calogero, in provincia di Vibo Valentia. Il giovane è stato raggiunto alla testa dai proiettili esplosi da un fucile: immediato il trasporto in ospedale, prima a Polistena, poi ai “Riuniti” di Reggio Calabria in neurochirurgia, dove Soumayla è deceduto per la gravità delle ferite subite. Altri due immigrati risultato feriti ma in condizioni non gravi.

Carabinieri
Carabinieri (fonte foto https://twitter.com/MediasetTgcom24)

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Tensione crescente

Le indagini sono condotte dai Carabinieri. L’episodio è avvenuto a Calimera, frazione di San Calogero vicina al comune di Rosarno, nel reggino, lungo la strada statale 18. Gli inquirenti devono capire il movente dell’omicidio: le ipotesi vanno dall’agguato alla lite degenerata fino alla reazione a un tentativo di rapina. La Prefettura ha convocato una riunione d’urgenza, la quale ha programmato una ulteriore intensificazione dei controlli nell’area che ospita la tendopoli dove soggiornano i migranti che lavorano nei campi agricoli nella piana di Gioia Tauro.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 03-06-2018


3 giugno 1963: addio al ‘Papa buono’ Giovanni XXIII

Lutto nel mondo dell’editoria: è morta la scrittrice Alessandra Appiano