Nel 1995 il Milan torna protagonista nel calciomercato: dopo aver ceduto il passo alla Juventus, i rossoneri acquistano George Weah e Roberto Baggio. Il giovane Vieira non lascia il segno…

Il Milan di Fabio Capello arriva alla terza finale consecutiva di Champions League (sconfitta contro l’Ajax) mentre dopo i tre scudetti consecutivi cede il passo alla Juventus di Lippi. Così, nell’estate del 1995 i rossoneri ritornano a compiere grandi movimenti nel calciomercato. Gli olandesi non ci sono più e Van Basten getta definitivamente la spugna, annunciando il ritiro dal calcio giocato poco prima del Trofeo Berlusconi. A fine stagione lascia anche Massaro, che va a chiudere in Giappone.

Altri Palloni d’oro in arrivo…

Per tornare a dettare legge in Italia, i dirigenti del Milan puntano sull’attacco in sede di calciomercato. Durante la semifinale di Champions League contro il Psg, i rossoneri si accorgono delle straripanti doti di George Weah, attaccante liberiano. In estate, per circa 11 miliardi, il Diavolo lo ingaggia: il classe ’66 vincerà il Pallone d’oro a dicembre successivo. Il tasso tecnico del Milan si eleva ulteriormente con il colpo Roberto Baggio: il fantasista della Nazionale lascia la Juventus per 18 miliardi.

Roberto Baggio Milan.
Roberto Baggio in  maglia rossonera (fonte foto: wikipedia.org)

Le altre operazioni

Oltre alla coppia Weah-Baggio, il calciomercato dei rossoneri va a puntellare la rosa di Capello con il rientro dal prestito del giovane Ambrosini e la promozione in Prima squadra di Coco. Dall’Atalanta arriva il trequartista mancino Locatelli. L’avventura al Milan di Paulo Futre, talento portoghese già al Porto e all’Atletico, non lascerà il segno, in quanto il lusitano sarà afflitto dagli infortuni. Infine, c’è l’ingaggio del 19enne francese Vieira, pagato 7 miliardi, considerato l’erede di Desailly ma con maggior qualità tecnica. Per quanto riguarda le cessioni, il calciomercato del Milan passa per le uscite di Melli, Stroppa, Nava e Massimo Orlando.

Coronavirus, online la nuova autocertificazione


Il Psg non molla la presa su Ricardo Rodriguez ma il muro alza il muro

Mercato Milan, c’è un colpo rimandato a gennaio