Tutto quello che c’è da sapere sul calcolo rate e piani di ammortamento

Richiedere un prestito

Molte persone prima di effettuare la richiesta di un prestito per qualsivoglia ragione:

  • Mutuo casa
  • Acquisto elettronica e/o elettrodomestici
  • Acquisto auto
  • Prestiti per ferie

E molti altri scopi anche non presenti in elenco, intendono a ragione informarsi sulle rate, sul loro importo, sui tassi d’interesse imposti dalla banca e sui piani di ammortamento.

Sono infatti molteplici le soluzioni quando si parla di questi ultimi ma anche relativi alle rate.

Rata e Ammortamento

Il calcolo delle rate di un prestito può essere eseguito con carta e penna o usufruendo di tool in rete che attraverso una serie di informazioni richieste vi possono consentire di capire i tassi di interesse, gli importi rateali e poi anche il piano di ammortamento.

Va detto però che le rate possono essere di diverso tipo, modificando quindi anche il calcolo delle stesse:

  • Mensili
  • Trimestrali
  • Semestrali
  • In unica soluzione
  • Anticipate e posticipate

Le più comuni e scelte dalla stragrande maggioranza delle persone sono quelle mensili che rientrano in cifre che vanno dai 150€ per arrivare a 250€ e oltre, molto dipende dal tenore di vita del soggetto e dal guadagno lavorativo mensile dello stesso.

Poi ci sono le rate trimestrali, generalmente queste accorpano le rate mensili in una soluzione che viene elargita a compensazione ogni tre mesi, stesso discorso vale per quelle rate di tipo semestrale e anche in unica soluzione.

Tali tipologie però sono scelte raramente.

Infine ci sono rate a monte e a conclusione, generalmente questa soluzione fa abbassare poi l’importo delle rate su base mensile (ovvero le rimanenti sulla base di quello che si da all’inizio e a conclusione del prestito).

Molto dipende dalla scelta della persona che sceglie il prestito e anche sul tipo di prestito che viene elargito (delle finalità dello stesso) dalla banca.

certificato_unicasim

ultimo aggiornamento: 14-02-2017


Chi paga il TFR in caso di cessione dell’azienda?

Il Fondo di Garanzia per il TFR: quando interviene?