Emergenza coronavirus in Italia, il calendario dei divieti per Natale 2020.

Arrivati quasi alla metà del mese di dicembre, ci avviciniamo al Natale e all’entrata in vigore dei divieti disposti dal governo per limitare gli spostamenti e i contatti durante le feste. Andiamo a vedere quindi quello che è il calendario dei divieti per questo mese di dicembre.

Albero di Natale Milano
Albero di Natale Milano

Emergenza coronavirus in Italia, il calendario dei divieti di Natale

Buon parte delle restrizioni interessa il settore degli spostamenti locali, regionali, nazionali e internazionali.

Il 21 dicembre rappresenta una data chiave nel calendario dei divieti di Natale. Da questa data è obbligato alla quarantena chi torna da Austria, Belgio, Bulgaria, Cipro, Croazia, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Repubblica Ceca, Romania, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svezia, Ungheria, Islanda, Liechtenstein, Norvegia, Regno Unito, Svizzera, Andorra, Principato di Monaco, Australia, Giappone, Nuova Zelanda, Corea del Sud, Ruanda, Singapore, Thailandia, Uruguay e comunque tutti i turisti che arrivano in Italia. Chi lascia l’Italia prima del 21 ma rientra in una data compresa tra il 21 dicembre e il 6 gennaio deve osservare l’obbligo di quarantena.

Dal 21 dicembre scatta il divieto di spostamento tra le Regioni italiane a prescindere dalla fascia di rischio epidemiologico e quindi dal colore (Giallo, Arancione, Rosso). Gli unici spostamenti consentiti sono quelli per motivi di salute, lavoro o necessità. Per ulteriori informazioni consultare le FAQ del governo. Dal 21 dicembre è quindi vietato raggiungere la seconda casa se si trova in una Regione diversa da quella di appartenenza.

Il 25 e il 26 dicembre e il 1 gennaio sarà inoltre vietato uscire dal proprio Comune di residenza. Anche in questo caso sono consentiti solo gli spostamenti necessari. La misura potrebbe essere rivista nei prossimi giorni inserendo una deroga che possa consentire agli abitanti dei piccoli Comuni di varcare il confine.

7 gennaio. Dal 7 gennaio dovrebbero riaprire gli impianti sciistici e dovrebbero riprendere le crociere, sospese con l’ultimo decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri.

Il 15 gennaio scade il divieto di chiusura dei centri commerciali nel fine settimana, ma non si esclude che in vista dei saldi il governo possa decidere di prorogare la misura con il nuovo dpcm, atteso per le metà del primo mese dell’anno.

Carabinieri
Carabinieri

Regioni in pressing sul governo

Difficilmente la situazione cambierà nel corso dei prossimi 11 giorni, ma i Presidenti delle Regioni continuano a pressare il governo per rivedere i divieti legati agli spostamenti. Il nodo è rappresentato agli spostamenti tra Comuni, con le Regioni che chiedono che la restrizione venga rivista per vietare gli spostamenti provinciali, salvando quindi i trasferimenti tra Comuni distanti pochi chilometri se non addirittura pochi metri.

Nuove ordinanze in vigore: ecco che cosa si può fare in base al colore della zona

TAG:
coronavirus dpcm natale Italia che funziona motori politica primo piano

ultimo aggiornamento: 13-12-2020


Tensione nella maggioranza, non si esclude un Conte-ter (con Renzi ministro)

Autostrade aveva architettato una truffa ai danni dello Stato