Cambridge, la ricercatrice italiana Simona Baronchelli trovata morta in albergo

Il corpo senza vita della 32enne di Vimercate è stato rivenuto dalla Polizia britannica mercoledì corso. Simona Baronchelli soffriva di patologie importanti

chiudi

Caricamento Player...

E’ mistero in Gran Bretagna per la morte di Simona Baronchelli, giovane ricercatrice italiana, da pochi giorni all’Estero per un congresso. Trentadue anni, di Vimercate in provincia di Monza e Brianza, Simona Baronchelli era borsista del Cnr (Centro Nazionale Ricerche), esperta in biopatologie mediche.

La causa della morte?

La donna si trovava a Cambridge e il corpo senza vita è stato rinvenuto dalla Polizia britannica sul pavimento della stanza dell’albergo, dove l’italiana aveva preso alloggio. La ricercatrice si trovava nella città inglese per un congresso. I colleghi hanno dato l’allarme quando non hanno visto arrivare la collega al workshop: sul taxi prenotato la sera prima, la donna non è mai salita a bordo. Sul corpo di Simona Baronchelli non sono state trovate tracce di violenza. Il decesso della 32enne è avvenuto mercoledì scorso. E’ stata disposta l’autopsia per capire le cause della morte.

Police
Police

Le parole del padre

Luigi Baronchelli, il papà della vittima italiana, ha rilasciato ai media una breve dichiarazione: “Simona soffriva di allergie importanti, ma sapeva come gestirle. Simona non aveva nemici. Non riesco neanche a ipotizzare che qualcuno possa averle fatto del male. E spero che i patologi mi diano ragione“. Laura era impegnata a livello politico come attivista di Emergency.