Campionessa di scherma violentata, i dettagli sugli abusi svelati dall'avvocato
Vai al contenuto

Direttore: Alessandro Plateroti

Campionessa di scherma violentata, i dettagli sugli abusi svelati dall’avvocato

donna minacciata e picchiata

Come hanno agito gli aggressori della povera campionessa di scherma violentata. L’avvocato della vittima svela i dettagli orribili.

La terribile vicenda della campionessa di scherma violentata a Chianciano Terme da tre “colleghi” della squadra italiana torna ad essere argomento di cronaca. In modo particolare dopo che l’avvocato della vittima ha svelato alcuni macabri dettagli sugli abusi subiti dalla ragazza.

Bonus 2024: tutte le agevolazioni

donna minacciata e picchiata

Campionessa di scherma violentata: i dettagli dell’avvocato

La vicenda relativa agli abusi subiti dalla campionessa di scherma si sta sviluppando con nuovi retroscena e dettagli terribili. La giovane ragazza, vittima di violenza da parte di tre “colleghi” sarebbe stata drogata e abusata.

Secondo le ricostruzioni, infatti, pare che nella serata dei terribili fatti, la giovane abbia bevuto della birra dove sarebbe stata versata la cosiddetta “droga dello stupro“.

La conferma di questa ipotesi sarebbe arrivata dal racconto della giovane ed in particolare sui malesseri al suo risveglio ma anche dai valori anomali emersi dagli esami del sangue.

La tesi della droga nella bevanda sarebbe sostenuta anche dalle parole del suo avvocato, il dottor Guidarelli. Secondo l’esperto legale, infatti, il sospetto che la giovane sia stata drogata è elevato: “Ci sono valori anomali degli esami del sangue che non possiamo spiegare in altro modo. Parliamo di fatti gravissimi, per questo resta lo sconcerto per il silenzio di tutti questi mesi”.

La Federazione si espone

L’avvocato della giovane vittima di abusi ha anche mostrato il proprio pensiero verso la Federscherma che non ha sanzionato e sospeso, ancora, gli atleti.

Una situazione per la quale proprio la Federazione si è voluta esporre: “Abbiamo avuto confronti diretti con la magistratura al fine di conoscere la situazione e gli sviluppi dell’attività investigativa, nel rispetto del segreto istruttorio. Sulla base di tali informazioni e rassicurazioni acquisite, la Federazione ha dettagliatamente risposto all’avvocato della denunciante, depositando anche la nomina per una costituzione di parte civile nell’eventuale giudizio. Valuteremo tutte le azioni necessarie a tutela della propria immagine e a difesa di quel che ogni giorno afferma nelle sale di tutta Italia”.

Riproduzione riservata © 2024 - NM

ultimo aggiornamento: 4 Marzo 2024 12:57

Omicidio Pierina, i figli sotto shock: “La difficile convivenza con questi pensieri”

nl pixel