La denuncia social di Cristian Casili: “Un nostro candidato è stato brutalmente aggredito in mezzo alla piazza. Frattura della mano”.

Cristian Casili, consigliere regionale del Movimento 5 Stelle, ha riportato la notizia di un candidato M5s aggredito durante un comizio che si è tenuto in piazza Salandra. Il candidato pentastellato, in corsa al Consiglio comunale di Nardò, ha riportato una frattura alla mano.

Una bellissima serata è stata macchiata dall’intollerabile, raccapricciante violenza fisica subita da un nostro candidato del M5S Tiziano De Pirro, che è stato brutalmente aggredito in mezzo alla piazza. Frattura della mano e in attesa di valutazione dell’otorino per il violento pugno ricevuto. A Tiziano mandiamo un forte abbraccio“, racconta Casili.

Green Pass obbligatorio, tutte le regole da rispettare

Casili: “Tiziano De Pirro è stato brutalmente aggredito in mezzo alla piazza”

Una bellissima serata macchiata dall’ intollerabile, raccapricciante violenza fisica subita da un nostro candidato del M5S Tiziano De Pirro che è stato brutalmente aggredito in mezzo alla piazza. Frattura della mano e in attesa di valutazione dell’otorino per il violento pugno ricevuto“, scrive Cristian Casili sulla propria pagina Facebook parlando dell’aggressione ai danni del candidato del M5S.

Ambulanza
Ambulanza

Le accuse a Mellone

Casili racconta che Pippi Mellone, sindaco uscente, al termine del suo comizio ha invitato i presenti ad abbandonare la piazza per ‘evitare brutti incontri con chi ha rappresentato il male in questa città‘. Il riferimento è al candidato del Pd e del M5s Falangone, che sarebbe salito sul palco dopo Mellone.

Non si può durante un comizio incitare all’abbandono della piazza per evitare “brutti incontri con chi ha rappresentato il male in questa città”, cioè noi. E questo lo ha urlato forte dal palco il sindaco uscente, Pippi Mellone“.

ultimo aggiornamento: 02-10-2021


Elezioni Amministrative, sono nove gli ‘impresentabili’

Elezioni Amministrative, come si vota: preferenze e voto disgiunto, cosa c’è da sapere