Caos treni, la telefonata tra Speranza e De Micheli. Il ministro della Salute: “Cosa avete fatto senza avvisarmi?”.

ROMA – Sono state ore di tensione al Governo dopo la decisione di Trenitalia e Italo di togliere il distanziamento sui convogli. Secondo quanto ricostruito dal Corriere della Sera, è andata in scena una telefonata con toni accesi tra Speranza e De Micheli con il ministro della Salute che ha rivendicato la sua posizione in questa emergenza: “Come avete pensato di fare una cosa del genere senza avvertirmi?“.

La ricostruzione del ‘Corriere della Sera’

Tutto è iniziato con la decisione di Trenitalia e Italo di cancellare il distanziamento sui treni. Una comunicazione che ha portato il telefonino della ministra De Micheli ad essere bollente con la titolare del Mit che ha sentito in ordine di tempo Walter Ricciardi e Roberto Speranza per spiegare che le decisioni sono state prese seguendo il decreto legge del 14 luglio.

Ma proprio la chiamata con il collega è stata furiosa. Il ministro della Salute si è sentito scavalcato che ha rivendicato la sua posizione. Una decisione, quella delle due aziende, che potrebbe portare l’Italia a perdere il primato nella gestione dell’emergenza rispetto agli altri Paesi.

Paola De Micheli
Paola De Micheli

L’ordinanza

Un braccio di ferro tra De Micheli e Speranza che ha portato la ministra a chiedere al collega di prendersi una responsabilità e firmare un’ordinanza, arrivata solo dopo il confronto con Cts e il premier Conte.

Il silenzio del premier Conte

Una vicenda, come già successo con i migranti, che ha visto il silenzio da parte del presidente del Consiglio. Una mancata presa di posizione da parte del premier che conferma la tensione all’interno di un esecutivo che non è unito come ad inizio epidemia.

E le prossime settimane rischiano di essere decisive per il futuro di questa maggioranza che non sembra più solida.

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro

TAG:
Paola De Micheli politica primo piano Roberto Speranza treni

ultimo aggiornamento: 02-08-2020


Coronavirus, Boccia sui migranti: ’75 per cento dei positivi sono italiani’

Salvini lancia la sfida, ‘L’anno prossimo al Papeete da Presidente del Consiglio’