Capodanno sopra le righe per Nainggolan: il belga chiede scusa

5 paesi low cost dove rifarsi una vita

Il centrocampista della Roma, Nainggolan, è stato protagonista di un discutibile video su Instagram, tra alcol, fumo e bestemmie.

Ha fatto discutere in questo primo giorno del 2018 il caso Nainggolan, scoppiato a Roma nel corso della nottata. Durante i festeggiamenti per il Capodanno, infatti, il centrocampista belga, sempre avvezzo al divertimento, si è reso protagonista di alcuni video su Instagram piuttosto discutibili per un personaggio pubblico. Calciatore di grande valore e indubbia professionalità, Nainggolan non ha mai nascosto la propria tendenza al divertimento spesso sopra le righe. Tuttavia, in uno dei video pubblicati intorno alla mezzanotte, oltre al fumo e l’alcol il calciatore si è lasciato andare a un linguaggio poco consono. Tale video non poteva non far rumore tra i media, ed è stato rapidamente diffuso, causando un grande fastidio allo stesso Nainggolan, esploso con un tweet polemico nei confronti dei giornalisti durante la mattinata.

Nainggolan fuori le righe, poi le scuse

Dopo un colloquio privato con la società, però, il centrocampista belga, resosi conto di aver esagerato, ha provveduto a chiedere scusa per il suo comportamento. Perché sul divertimento privato non è giusto esprimere giudizi, ma essendo un calciatore esempio per molti bambini sarebbe gradita maggior attenzione. D’altronde il polverone mediatico sollevato è un danno evidente per gli stessi calciatori e per le società. Questo dunque il messaggio di scuse del belga, pubblicato su Instagram: “Sono dispiaciuto per quanto accaduto stanotte. Lo sapete, mi piace star bene con gli amici e amo festeggiare il Capodanno. Ma la notte scorsa sono andato oltre: la vedevo come una serata particolare, dove si può anche esagerare un po’… certo non intendevo dare un esempio negativo. Per questo ritengo di dover chiedere scusa per le mie parole e il mio comportamento. Sempre forza Roma“.

Se ti è piaciuta la notizia, condividila sui social!

ultimo aggiornamento: 01-01-2018

Mauro Abbate