Un selfie “intimo” di Dino Giarrusso del Movimento Cinque Stelle finisce su Facebook. Pentastellati alle prese con un nuovo caso Sarti?

Nuovi problemi legati alla privacy in casa Movimento Cinque Stelle. Sui canali social e in rete è circolato infatti un selfie a luci rosse di Dino Giarrusso, ex Iena ora impegnato con i pentastellati.

Green Pass e Super Green Pass, tutte le regole dal 10 gennaio

Su Facebook un selfie a luci rosse di Dino Giarrusso, ex Iena e ora nel Movimento Cinque Stelle

La foto è stata caricata su Facebook ed è rimasta online per circa un’ora. Non si sa chi sia stata la fonte primaria, la persona che ha voluto mettere in rete la foto di Giarrusso, ma l’ex Iena si è detto intenzionato ad andare fino in fondo rivolgendosi alla Polizia Postale.

Il selfie di Giarrusso immortala il deputato in posa in bagno con la camicia troppo corta per coprire le nudità. La foto pubblicata non mostra le parti intime ma è tagliata all’altezza della cintola.

Dino Giarrusso
Fonte foto: https://www.facebook.com/ienadinogiarrusso

Il commento provocatorio da parte di chi ha condiviso la foto

La foto è stata accompagnata da un commento provocatorio. “Ce l’avete tutti questa figurina, sì?“, recitava la scritta con lo scopo evidente di far credere che Giarrusso sia o fosse solito condividere certe foto con altre persone.

Stando alle ricostruzioni fornite dalla stampa, Giarrusso, contattato da un gioralista, avrebbe detto di non essere a conoscenza di foto intime sulla rete. L’ex Iena ha comunque deciso di non dare spazio sulla propria pagina ufficiale all’accaduto.

Un nuovo caso Sarti per il Movimento Cinque Stelle?

In casa M5S potrebbe trattarsi di un secondo caso di revenge porn, vendetta pornografica, dopo quello che ha investito Giulia Sarti oltre che tutto il MoVimento.

Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per seguire News Mondo su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 14-05-2019


Nuovo attacco di Di Maio alla Lega: La pianti con i fucili

Anche Silvio Berlusconi con Fabio Fazio: Grave la censura