Carlo Calenda candidato a sindaco a Roma. Il leader di ‘Azione’ è pronto a correre per il Campidoglio.

ROMA – Carlo Calenda candidato a sindaco a Roma. Dopo le diverse indiscrezioni degli ultimi giorni, il leader di Azione ha ufficializzato la sua corsa al Campidoglio attraverso i microfoni della trasmissione Che tempo che fa, in onda su Rai 3.

Il nome dell’ex ministro da diverse settimane è sul tavolo del Partito Democratico. Nessuna decisione da parte del Nazareno, che valuta la possibilità di effettuare primarie.

Carlo Calenda candidato sindaco a Roma

La candidatura di Carlo Calenda era nell’aria ormai da diverso tempo, ma mancava l’ufficialità. Certezza arrivata nella serata di domenica 10 ottobre 2020. L’ex ministro ha annunciato la sua intenzione di correre per il Campidoglio ai microfoni di Che tempo che fa.

Una scelta personale da parte Calenda. L’ex ministro, comunque, non ha chiuso ad un’alleanza con il Pd. I ragionamenti al Nazareno sono in corso e difficilmente vedremo un annuncio nel giro di pochi giorni. Il motivo? Parte dei dem insistono per una alleanza con il M5s. Molto probabilmente si aspetterà la decisione dei grillini. Solo in caso di una conferma di Virginia Raggi si correrà separati. E a quel punto il sostegno al leader di Azione sembra essere certo.

CARLO CALENDA
CARLO CALENDA

Da Sgarbi a Calenda, i candidati in corsa per la carica di sindaco di Roma

Carlo Calenda è il secondo (ufficiale) candidato sindaco a Roma. Ad aprire la corsa al Campidoglio era stato Vittorio Sgarbi, pronto a sfidare gli altri nomi per il posto di primo cittadino della Capitale.

La sindacatura di Virginia Raggi passerà alla storia come la più grave calamità naturale dopo il grande incendio di Roma del 64 d.c. ai tempi dell’imperatore Nerone. C’è da ricostruire una città e ridarle la dignità di Capitale“, il commento di Sgarbi dopo la decisione, riportato da RomaToday.

Coronavirus, online la nuova autocertificazione

TAG:
campidoglio carlo calenda News politica roma

ultimo aggiornamento: 19-10-2020


Elezioni Usa 1956: Eisenhower riconfermato, sconfitto ancora Stevenson

Scuola, locali e trasporti, cosa prevede il nuovo dpcm