Carola Rackete ritorna in Germania. Intanto non si fermano gli insulti alla capitana della Sea Watch sulla pagina Facebook di Matteo Salvini.

ROMA – Carola Rackete ritorna in Germania. Dopo l’interrogatorio ad Agrigento, la capitana della Sea Watch ha lasciato l’Italia da donna libera alla volta di Berlino. Possibile un ritorno nelle prossime settimane per il processo.

Gli insulti a Carola Rackete

Il ritorno in Germania non fermano gli insulti a Carola. La giovane tedesca è stata presa di mira sulla pagina Facebook del ministro dell’Interno. Parole molto dure nei suoi confronti con frasi offensive che in alcuni casi superano anche il limite del tollerabile.

Un ambiente ostile che è stato provocato ancora una volta da Matteo Salvini. Il vicepremier in un comizio l’ha definita come una “zecca tedesca“. Affermazione che ha alimentato ancora di più l’odio verso la giovane capitana della Sea Watch. Carola è tornata in Germania per un periodo di riposo in attesa di avere il via libera per ritornare nel Mediterraneo a salvare le vite.

Green Pass obbligatorio, le regole dal 15 ottobre

Carola Rackete
Carola Rackete (fonte foto: https://www.facebook.com/pg/seawatchprojekt/)

Gli sbarchi a Lampedusa non si fermano

Gli sbarchi, intanto, a Lampedusa non si fermano. Secondo quanto riportato dal sito di La Repubblica, nelle ultime ore sull’isola sono stati registrati diversi arrivi in autonomia. Nella notte tra il 18 e il 19 luglio 2019 sono arrivate cinque persone mentre altri 44 sono giunti in porto grazie all’aiuto di una motovedetta della Capitaneri.

Un altro sbarco è stato registrato in provincia di Agrigento. Una cinquantina di migranti sono arrivati sulla spiaggia di Pietre Cadute. Alcuni profughi hanno provato a dileguarsi ma i carabinieri sono riusciti a rintracciarli e portarli all’hotspot del luogo. Altri, invece, sono stati rifocillanti dai bagnanti che li hanno soccorsi in attesa delle autorità componenti. A Lampedusa gli sbarchi non si fermano e nelle prossime ore ci potrebbero essere altri arrivi.

fonte foto copertina https://www.facebook.com/pg/seawatchprojekt/

ultimo aggiornamento: 20-07-2019


Strage di Duisburg, il boss Francesco Pelle è irreperibile

Giallo Metropol, cena tra Salvini e Savoini alla vigilia dell’incontro con i russi