Da villone camorrista in stile “Scarface” a centro sportivo e di riabilitazione per ragazzi con disagi mentali: a Casal di Principe si sono conclusi lavori di ristrutturazione della ex villa di Walter Schiavone, fratello del capoclan dei casalesi Francesco, detto “Sandokan”

Da villone camorrista in stile “Scarface” a centro sportivo e di riabilitazione per ragazzi con disagi mentali: a Casal di Principe si sono conclusi lavori di ristrutturazione della ex villa di Walter Schiavone, fratello del capoclan dei casalesi Francesco, detto “Sandokan”. Una struttura di oltre 900 metri quadri su tre livelli, dotata di  piscina, diventerà ora un luogo al servizio della comunità.
Alla cerimonia di inaugurazione ha preso parte anche il governatore della Campania Vincenzo De Luca. La regione ha stanziato 1,2 milioni di euro per riconvertire il bene confiscato al clan: “E’ una giornata simbolica per la necessità di tenere viva la battaglia contro i poteri criminali, ma anche simbolica perché è la dimostrazione che i poteri criminali possono essere sconfitti. Simbolica perché passiamo da un simbolo di violenza e sopraffazione a un simbolo di solidarietà, un servizio per i cittadini. Siamo orgogliosi come regione Campania per aver finanziato questo progetto e credo che potrà essere un simbolo di rinascita e anche di riscatto dell’immagine di tutte queste terre”.

ultimo aggiornamento: 31-01-2017


Processo Stato-mafia, Totò Riina risponderà in aula

Traffico di armi, scatta il fermo per tre italiani e un libico