Caso Barbara Corvi, arrestato il marito. Sarebbe stato l’uomo ad uccidere la donna il 27 ottobre 2009.

TERNI – Svolta nel caso di Barbara Corvi. I carabinieri di Terni hanno arrestato il marito della donna. Secondo quanto ricostruito dagli inquirenti, sarebbe stato l’uomo ad uccidere la 35enne il 27 ottobre 2009 per motivi di gelosia ed economici.

Nei prossimi giorni l’uomo sarà ascoltato dai magistrati per ricostruire meglio quanto successo quel giorno e, soprattutto, per cercare di capire dove è stato nascosto il corpo della compagna.

La scomparsa

La scomparsa di Barbara Corvi è avvenuta il 27 ottobre 2009. Un caso ritornato sulle pagine di cronaca lo scorso luglio dopo la riapertura del caso da parte della Procura di Terni.

A convincere il magistrato ad indagare nuovamente sulla vicenda sono state le dichiarazioni di un pentito di ‘Ndrangheta che vive in provincia di La Spezia. Approfondimenti che hanno portato la Procura ad emettere un mandato di custodia cautelare nei confronti del marito. Sarebbe stato lui, almeno secondo quanto riportato da La Repubblica, ad uccidere la donna per motivi di gelosia ed economici. Il giorno prima della scomparsa, infatti, la 35enne aveva avuto una discussione con il marito dopo aver confessato una sua relazione extraconiugale.

Nei prossimi giorni si cercherà di ricostruire meglio quanto successo e si proverà a capire il motivo di questo gesto compiuto dal marito della donna.

Carabinieri
Carabinieri

La cognata scomparsa nel 1994

La donna era la cognata di Angela Costantino, moglie di uno dei fratelli del marito, scomparsa nel 1994. In questo caso la Squadra Mobile di Reggio Calabria ha arrestato due persone, condannate a 30 anni di carcere per aver ucciso la donna.

Anche in questo caso l’omicidio sarebbe avvenuto per una relazione extraconiugale avuta dalla donna durante il periodo in carcere del marito. Due vicende che non sono collegate tra loro, ma che hanno diversi punti in comune.


Archiviata l’indagine sull’uso della scorta del premier Conte da parte della compagna

Vaccini Covid, l’Austria minaccia di bloccare 100 milioni di dosi Pfizer