Il Capitano Ultimo contro il Generale Giovanni Nistri sul caso Cucchi: Sarebbe stato forse più utile per la dignità dell’Arma dare le dimissioni

Nelle ore calde che fanno seguito alla dettagliata deposizione di Tedesco, il carabiniere imputato che ha distrutto il muro di omertà sul caso Cucchi, anche il Capitano Ultimo ha deciso di commentare la vicenda rivolgendosi con parole durissime contro Nistri, Comandante Generale dell’Arma dei Carabinieri.

Caso Cucchi, il Capitano Ultimo contro il Generale Nistri: Sarebbe stato più utile per la dignità dell’Arma rassegnare le dimissioni

Piuttosto che pensare di costituirsi parte civile sul caso Cucchi, a questo punto sarebbe stato forse più utile per la dignità dell’Arma dare le dimissioni, senza tanti equivoci e come segnale di discontinuità“. Dure le parole del Capitano Ultimo contro il Generale Giovanni Nistri. Proprio il Comandante dei Carabinieri aveva fatto sapere di essere intenzionato a costituire l’Arma come parte civile.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

Carabinieri
fonte foto https://www.facebook.com/carabinieri.it/

La lettera di Giovanni Nistri a Ilaria Cucchi, sorella di Stefano

Proprio nel giorno della deposizione di Francesco Tedesco era emersa la lettera inviata dal Generale Giovanni Nistri a Ilaria Cucchi.

Come rivelato da Tedesco, il giovane romano sarebbe stato colpito da due carabinieri con due calci già nelle ore immediatamente successive all’arresto. Poi, una settimana prima della sua morte, Stefano Cucchi avrebbe presentato sul suo corpo i segni inequivocabili di un pestaggio.

Nella sua lettera, Nistri ha voluto esprimere la propria solidarietà alla famiglia Cucchi e si è detto intenzionato ad andare in fondo alla vicenda.

La sorella di Stefano si è detta contenta della lettera ricevuta e ha fatto sapere che la sua famiglia ha finalmente avvertito il sostegno dello Stato.


Incidente sull’A1, coinvolto pullman con bambini in gita

Stupratori assolti perché vittima troppo ‘mascolina’, la Cassazione fa un passo indietro