Una donna residente a Foresto Sparso ha contratto la meningite. L’assessore regionale: “Avviata la profilassi”.

BERGAMO – Nuovo caso di meningite. Una 71enne è stata infatti ricoverata, presentando i sintomi della malattia che attacca il sistema nervoso centrale.

Meningite a Bergamo

Una donna di 71 anni è risultata positiva nelle scorse ore al Meningococco C. La paziente, residente a Foresto Sparso (un comune della bergamasca a pochi km da Villongo), è ricoverata nel reparto malattie infettive dell’ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo, fortunatamente in condizioni stabili. ATS di Bergamo ha avviato le procedure di profilassi per i familiari e per le persone che sono state a stretto contatto con lei“. Così ha comunicato Giulio Gallera, assessore regionale al Welfare.

https://www.youtube.com/watch?v=XutGmi5L5jw

La vaccinazione

Abbiamo vaccinato 45 mila persone nell’area del basso Sebino e di Grumello in poco più di un mese, pari al 65 per cento del target previsto – ha aggiunto l’Assessore Gallera – della popolazione fino a 60 anni. I dati scientifici ed epidemiologici attestano infatti che i rischi maggiori sulle infezioni da Meningococco C coinvolgono soprattutto questa fascia. Questo viene confermato anche dai dati Lombardi: negli ultimi vent’anni, le persone colpite oltre questo limite di età siano state solo 93 su più mille casi registrati. Il nuovo episodio, fortunatamente non particolarmente grave, ci porta tuttavia ad estendere la copertura a tutti i cittadini, senza alcun limite di età“.

Il consiglio dell’assessore

Il consiglio è di rivolgersi ai propri medici di base – ricorda l’Assessore Gallera – che in queste fasi alquanto delicate sono stati un prezioso alleato di Regione Lombardia e parte integrante dell’apparato socio sanitario messo a punto in modo tempestivo ed efficace“.

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro

TAG:
bergamo Foresto Sparso meningite profilassi

ultimo aggiornamento: 01-02-2020


E’ morto il papà di Mimmo Lucano

Ospedale di Brindisi, parenti di malato aggrediscono medici in sala operatoria