Matteo Salvini imputato a Palermo per il caso Open Arms. Le carte sono arrivate al Palazzo di Giustizia siciliano.

PALERMO – Matteo Salvini imputato a Palermo per il caso Open Arms. Come scritto da La Repubblica, il Senato ha inviato le carte al Palazzo di Giustizia che nei prossimi giorni fisserà l’udienza preliminare per l’ex ministro dell’Interno.

I documenti riguardano il via libera da parte di Palazzo Madama all’autorizzazione a procedere nei confronti del leader della Lega. Il voto è avvenuto lo scorso 31 luglio ed ora le carte sono arrivate a Palermo. La Procura è pronta a chiedere la fissazione della prima udienza per il lungo percorso giudiziario atteso nelle prossime settimane.

Migranti, secondo processo per Salvini

Si tratta del secondo processo per Matteo Salvini per le sue decisioni prese sui migranti. Il primo è quello di Catania con l’udienza preliminare fissata per il 3 ottobre 2020. In questo caso al centro della discussione il caso Gregoretti e il provvedimento di far rimanere per cinque giorni bloccati sulla nave della Guardia Costiera i 134 migranti.

La memoria di Salvini è stata depositata e tra poco più di una settimana inizierà la prima parte del lungo percorso giudiziario che potrebbe concludesi con una assoluzione.

Matteo Salvini
Matteo Salvini

Il caso Open Arms

Il caso Open Arms si riferisce ai 107 migranti rimasti per sette giorni sulla Ong nell’agosto 2019 in attesa del via libera da parte del Viminale. Si tratta di due episodi molto simili con Matteo Salvini che dovrà affrontare due processi. Da parte del leader della Lega nessuna passo indietro. L’ex ministro dell’Interno si è detto pronto ad affrontare il percorso giudiziario a testa alta.

Le carte sul caso Open Arms sono arrivate a Palermo con i magistrati che sono pronti a chiedere la fissazione della prima udienza preliminare per dare il via a questo processo.

Coronavirus, online la nuova autocertificazione

TAG:
Matteo Salvini migranti open arms politica

ultimo aggiornamento: 25-09-2020


Conte: “Il clima deve essere alla base della ripresa dopo la pandemia”

Inchiesta camici, i pm: “Diffuso coinvolgimento di Fontana”