Salvini torna sul caso Siri: La Raggi è indagata da anni

Matteo Salvini torna sul caso Siri e attacca Virginia Raggi: Prendo atto che è indagata da anni ed è al suo posto. A casa mia uno vale uno.

Chiuso il caso Siri in attesa che la giustizia faccia il proprio corso, Matteo Salvini è tornato sulla questione ritirando in ballo il sindaco di Roma Virginia Raggi. Il leader della Lega, sottolineando il fatto di aver accettato la decisione di Conte di revocare le nomine al sottosegretario leghista, ha ricordato come la prima cittadina di Roma, indagata da tempo, non è stata rimossa dal suo incarico.

Caso Siri, Matteo Salvini: La Raggi è indagata da anni ed è al suo posto

Il vicepremier Salvini è tornato a parlare di Virginia Raggi, indagata da anni ma ancora al suo posto alla guida della Capitale.

“Prendo atto del fatto che la Raggi è indagata da anni ed è al suo posto. I nostri candidati sono specchiati. Se ci sono colpe di serie A e colpe di serie B, presunti colpevoli di serie A e di serie B. A casa mia se uno vale uno, inchiesta vale inchiesta. Noi non abbiamo alcun problema, la questione morale riguarda altri. Mi dispiace che qualcuno si stia sporcando la bocca su Attilio Fontana”.

Matteo Salvini
Fonte foto: https://www.facebook.com/salviniofficial

Luigi Di Maio esulta: Segnale di discontinuità con il passato

Decisamente diverso l’umore di Luigi Di Maio, il quale ha voluto sottolineare come la revoca delle nomine ad Armando Siri rappresenti una scelta dovuta per il governo del cambiamento.

“In una giornata in cui l’Italia è scossa da inchieste su temi che riguardano la cosa pubblica, per me è altrettanto importante che il governo oggi abbia dato un segnale di discontinuità rispetto al passato. Grazie a quello che abbiamo proposto come M5s, il Cdm ha deciso di avviare la procedura di revoca dell’incarico ad Armando Siri perché quando si parla di inchiesta di corruzione e mafia la politica deve agire prima della giustizia”.

ultimo aggiornamento: 09-05-2019

X