Caso Sozzani, il governo cerca gli scissionisti tra i banchi del Pd

I tiratori franchi affossano la maggioranza. Inizia la ‘caccia all’uomo’

Governo diviso, i renziani lasciano il segno sul voto su Sozzani ‘allineandosi’ all’opposizione e tradendo le indicazioni della maggioranza. Ma tiratori franchi hanno sparato anche dal Pd e da LeU.

Sono meno di cinquanta i tiratori franchi che hanno portato alla prima frattura tangibile nel governo Pd-Movimento 5 Stelle, caduto sul voto sul caso Sozzani. La richiesta sull’autorizzazione a procedere nei confronti dell’esponente di Forza Italia si è trasformato in un terreno di scontro tra le forze di maggioranza, che partono da presupposti evidentemente differenti sulla Giustizia. Una differenza con cui dovrà fare i conti Bonafede quando metterà a punto la sua riforma.

Caso Sozzani, i renziani al fianco del Centrodestra

Nonostante il voto segreto, ci sono le prime accreditate ipotesi su chi abbia votato con il Centrodestra salvando Sozzani dai domiciliari. Avrebbero votato contro l’autorizzazione a procedere i renziani, che si guadagnano così le prime pagine dei giornali a poche ore dalla nascita del nuovo partito dell’ex premier.

Renzi Matteo
fonte foto https://www.facebook.com/matteorenziufficiale/

LeU garantista, spazio al voto di coscienza

LeU, che rappresenta la sinistra garantista, ha dato carta bianca ai propri esponenti favorendo il voto di coscienza a quello di partito E qualche tiratore franco ha sparato anche da questi banchi.

La frattura nel Movimento 5 Stelle

Il caso Sozzani riporta alla luce anche la frattura all’interno della fazione pentastellata. Anche nel MoVimento qualcuno ha tradito le direttive di Luigi Di Maio andando a regalare voti preziosi al Centrodestra, che quasi non credeva nel successo finale.

Luigi Di Maio
Luigi Di Maio

Caso Sozzani, inizia la caccia all’uomo per provare a capire chi abbia votato contro la linea del governo

Nel governo è iniziata la caccia all’uomo per provare a capire chi abbia votato come. Il voto segreto rende impossibile o quasi arrivare a fare un quadro completo della situazione. Il Pd prova a rassicurare gli alleati pentastellati facendo sapere che i problemi sono tutti nella nuova ala renziana e chi dai banchi del Pd solo pochi hanno voltato le spalle alle indicazioni della maggioranza.

ultimo aggiornamento: 19-09-2019

X