Caso Volkswagen: si dimette Winterkorn

Dopo lo scandalo sulle emissioni dei motori diesel, di dimette l’amministratore delegato del gruppo Volkswagen, Martin Winterkorn

chiudi

Caricamento Player...

Non ci sarebbe certo voluto il dono della chiaroveggenza per predire le dimissioni dell’amministratore delegato Volkswagen, Martin Winterkorn, dopo la bufera che ha travolto il colosso automobilistico tedesco a causa delle emissioni truccate dei motori diesel.
Era ovvio che qualche testa dovesse saltare. E altrettanto ovvio che la prima, in questo caso, sarebbe stata proprio quella di Winterkorn.

«Scioccato dagli eventi dei giorni scorsi»: sono le parole che l’ad avrebbe usato in una nota ufficiale del Gruppo per descrivere la sua posizione. «E costernato dal fatto che irregolarità di tali proporzioni siano state compiute nel gruppo Volkswagen» avrebbe ulteriormente aggiunto.

In un futuro così incerto ogni giorno è prezioso. Così Volkswagen dovrebbe annunciare il suo nuovo amministratore delegato entro la fine della settimana; probabilmente venerdì, a seguito della riunione del Consiglio di amministrazione della Casa. A riferirlo sarebbe lo stesso Consiglio di sorveglianza della società con una nota diffusa subito dopo l’annuncio delle dimissioni di Winterkorn.

E se i riflettori sulla persona di Martin Winterkorn stanno per spegnersi definitivamente, quelli dell’attenzione mediatica dovrebbero essere ben puntati su Ferdinand Piech. Cioè proprio su colui che pochi mesi fa aveva chiesto le dimissioni di Winterkorn non ritenendolo adatto al ruolo che lui stesso gli aveva conferito. Dopo un durissimo scontro interno il patriarca Ferdinand Piech aveva alzato i tacchi.

Fino a questo punto ci siamo attenuti solo alla “cronaca” del terremoto che continua a far tremare Wolfsburg. Per un commento più approfondito, che vada oltre il racconto evenemenziale,  vi invitiamo a leggere l’editoriale del direttore Enzo Caniatti. A breve on line.