Catalogna, sale la tensione: la Corte Costituzionale vieta la seduta del Parlamento di lunedì

La Corte Costituzionale spagnola ha decretato la sospensione precauzionale della sessione del Parlamento prevista  per lunedì.

BARCELLONA – La tensione tra Barcellona e Madrid non sembra diminuire, anzi la decisione odierna della Corte Costituzionale  potrebbe farla aumentare. Con una seduta a sorpresa il tribunale spagnolo ha sospeso precauzionalmente la sessione del Parlamento catalano  prevista nella giornata di lunedì, durante la quale il presidente Carles Puigdemont deve intervenire sul referendum del primo ottobre e che potrebbe portare all’adozione di una dichiarazione di indipendenza.

Lunedì il Parlamento si dovrebbe riunire lo stesso. Al momento non è chiara la decisione dell’assemblea

Nonostante lo stop della Corte Costituzionale il Parlamento si dovrebbe riunire lo stesso nella giornata di lunedì anche se non si conoscono le decisioni dell’assemblea. Al momento gli indipendentisti hanno la maggioranza assoluta e che in una normativa approvata in settembre, pure bocciata dalla Corte Costituzionale di Madrid, ha deciso che se il “si” vinceva al referendum sarebbe entrata in vigore una legge di transizione di valore superiore ai pronunciamenti di qualsiasi corte spagnola.

Al momento non si conosce quale sarà il futuro della Catalogna anche se la tensione tra Madrid e Barcellona sembra ormai arrivata alle stelle. La giornata di lunedì non dovrebbe essere decisiva visto che la “battaglia” dovrebbe continuare anche nelle prossime settimane.

ultimo aggiornamento: 05-10-2017

Iscriviti alla Newsletter:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures
X