Catania, mamma di ventisei anni uccide il figlio di tre mesi lanciandolo a terra. La donna ha confessato ma ha fatto sapere che si sarebbe trattato di un incidente.

La Polizia di Catania hanno arrestato una donna accusata di aver ucciso il proprio figlio di appena tre mesi dopo averlo scaraventato a terra. Il neonato era stato ricoverato per le ferite alla testa ed è morto in ospedale lo scorso 15 novembre.

Catania, mamma uccide il figlio di tre mesi lanciandolo a terra

Il neonato è stato sottoposto a cure mediche per circa quasi ventiquattro ore ma è morto il giorno dopo il ricovero in ospedale. Avvertiti dal personale medico, gli inquirenti hanno aperto un’indagine sul caso arrivando alla fine all’esecuzione di un mandato di arresto nei confronti della madre del bambino, una donna di ventisei anni. L’accusa è quella di omicidio aggravato in quanto il gesto è stato compiuto nei confronti del figlio.

Ambulanza
fonte foto https://www.facebook.com/Primapartenza-Brescia-772460412826349/

La prima versione dei fatti, le indagini degli inquirenti e la confessione

La prima versione fornita dalla donna ai medici del Pronto Soccorso era che il bambino era caduto dalle sue braccia dopo che si era dato una spinta. Il racconto della donna non ha convinto gli inquirenti che sono presto risaliti alla verità.  Messa alle strette dagli investigatori, la ventiseienne ha ammesso le proprie responsabilità facendo però sapere  di aver compiuto il gesto in un momento di non lucidità e che il suo intento era quello di gettare il bambino sul letto e non in terra.

Coronavirus, online la nuova autocertificazione

TAG:
Catania cronaca evidenza polizia

ultimo aggiornamento: 03-12-2018


Prima alla Scala, abolita la vendita dei biglietti ‘di solidarietà’

Milano, sei rapine in un’ora: è caccia alla banda dei record