Il Cda di viale Mazzini per le nomine RAI è terminato. Teresa De Santis sarà il nuovo direttore della prima rete. Resta il giallo del vicepresidente.

ROMA – Il consiglio d’amministrazione della RAI di oggi, 27 novembre 2018, è servito solamente in parte visto che è stato risolto il dilemma dei direttori di rete ma resta quello del vicepresidente.

Il vertice di viale Mazzini ha dato il via libera alle nomine di Teresa De Santis alla guida di RAI 1, Carlo Freccero di RAI 2, Auro Bulbarelli di RAI Sport e Antonio Preziosi di RAI Parlamento. Non è stato sciolto il nodo del numero due con un piccolo giallo tra Marcello Foa e il candidato principale Giampaolo Rossi.

RAI
Fonte foto: https://www.facebook.com/brutus.lucius

Nomine RAI, giallo vicepresidente: Foa contro Rossi?

Nelle prossime settimane il consiglio di amministrazione RAI e in particolare il presidente Marcello Foa sarà chiamato a risolvere il nodo della vicepresidenza. Il favorito sembrava essere Giampaolo Rossi. Il consigliere indicato da FdI sembra avere la stessa linea dell’attuale numero uno di viale Mazzini ma nelle ultime ore la situazione è completamente cambiata.

Foa – riporta Repubblica – non sarebbe più convinto del profilo di Rossi per vari motivi. La paura di un uomo che conosce la RAI meglio di lui è molto forte e sicuramente potrebbe incidere nella scelta definitiva. Da risolvere inoltre il rapporto con il presidente Mattarella. Le parole contro il Capo dello Stato non sono piaciute al Quirinale, tanto che l’unico ad essere ricevuto è stato il direttore generale Salini.

Proprio per questo motivo la nomina di Rossi sembra essere un po’ frenata. Anche lui in passato molte volte si è schierato contro Mattarella. Insomma mettere a capo di viale Mazzini un numero uno e due che non hanno una buona visione del presidente della Repubblica non sembra essere una buona idea. Si lavora per cercare di trovare una soluzione il prima possibile.

fonte foto copertina https://twitter.com/Primaonline


Violenza sulle donne, il Governo è al lavoro per il ‘bollino rosso’

Strasburgo, la Corte chiude il caso Berlusconi senza una sentenza