Cdm per la Banca Popolare di Bari, Conte: "Stasera chiudiamo"

Banca Popolare di Bari, via libera al decreto. Stanziati 900 milioni di euro. Irritazione M5s sul nome del commissario

Cdm per la Banca Popolare di Bari. Da Palazzo Chigi è arrivato il via libera. Tensione in maggioranza. Iv attacca Di Maio.

ROMA – Si è concluso il Cdm per la Banca Popolare di Bari. Dopo il nulla di fatto di venerdì 13 dicembre, la maggioranza si è rivista ed ha dato il via libera per il decreto che salva l’istituto di credito. E’ stata una riunione ricca di tensione quella di Palazzo Chigi con il premier Conte che è stato costretto a mediare per trovare un accordo.

Alla fine è arrivato il sì da parte di tutta la coalizione giallo-rossa non senza nervosismo. Secondo le prime indiscrezioni il decreto approvato prevede un finanziamento ad Invitalia fino a 900 milioni di euro per il 2020 con l’obiettivo di rafforzare il patrimonio del Mediocredito Centrale.

Il premier Conte assicura: “Entro stasera l’accordo”

In mattinata tranquillizzare i risparmiatori era stato il presidente Conte al termine del concerto di Natale in Senato: “Stasera chiuderemo, faremo un intervento. Tuteleremo tutti i conti presenti all’istituto di credito e non concederemo nulla ai responsabili di quella situazione critica e auspichiamo anzi azioni di responsabilità a loro carico“.

Giuseppe Conte
Giuseppe Conte

Scontro tra Di Maio e Iv

La tensione nella maggioranza, però, non è mancata. Prima del Cdm Di Maio aveva ribadito il bisogno di una nazionalizzazione della Banca per non creare un nuovo caso Etruria. Parole che non sono piaciute a Italia Viva con Luigi Marattin che attacca:

Queste parole confermano che il M5s non è pronto ad affrontare un argomento importante senza ricorrere alla bugia. La vera questione è il destino della riforma delle banche che consente di mandare più facilmente a casa i management inefficaci e l’istituto pugliese si è sempre sottratta a questa norma, pur essendo obbligata per legge“.

Salvini: “Riformiamo Bankitalia”

E da Bari Salvini precisa: “Sulla Popolare qualcuno doveva vigilare. Spero che venga approvata il prima possibile la proposta di legge per riformare Bankitalia e farla passare dal Parlamento e di conseguenza dal popolo italiano“.

Irritazione M5s sul nome del commissario

La nomina di Antonio Blandini come commissario della Popolare di Bari ha fatto irritare il M5s: “Bankitalia ha scelto un professore – fanno sapere fonti grillini – che in passato era stato scelto come membro del comitato di sorveglianza del commissariamento di Tercas. Ci si chiede come possa Blandini valutare, con oggettività, i problemi arrecati ai conti della BpB dalla fusione con Tercas“.

ultimo aggiornamento: 16-12-2019

X