Cecile Kyenge ora è un medico di famiglia. L’ex ministra ha deciso di intraprendere questa nuova professione. Ma non mancano le polemiche.

PADOVA – L’ex ministra Cecile Kyenge ora è un medico di famiglia a Padova. Conclusa ormai da diversi anni la sua esperienza politica, la donna ha deciso di accettare l’incarico di un anno come medico di base nella città veneta, ma la sua nomina ha procurato diverse polemiche.

Il segretario della Federazione dei medici di medicina generale ha duramente criticato questa decisione e non si escludono delle novità nelle prossime settimane.

Cecile Kyenge medico di base, scoppia la polemica

A criticare la nomina è stato Domenico Crisarà, segretario della Federazione dei medici di medicina generale. “La dottoressa Cecile Kyenge – ha detto a La Repubblica e riportato da TgCom24è un’oculista e non un medico di base. E soprattutto non ha fatto il tirocinio dei medici di famiglia e non ha mai svolto questo ruolo. Non significa che non è in grado di farlo, ma ci sono dei passaggi importanti saltati“.

In particolare, il medico ha criticato la procedura che ha portato alla nomina di Kyenge al posto di una sua collega andata in pensione nel dicembre 2020. Da precisare, comunque, che l’ex ministra era iscritta alla graduatoria presa in esame per nominare il sostituto”.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

Medico Ospedale
Medico Ospedale

L’impegno durante la pandemia

L’ex ministra ha ormai messo da parte la politica. Durante il periodo della pandemia è scesa in campo in prima persona per aiutare le persone contagiate dal coronavirus e in isolamento a casa. “Ho lavorato nella gestione del Covid – ha detto in un’intervista – il mio obiettivo è sempre quello di essere al servizio del prossimo, del cittadino, dentro o fuori dalle istituzioni“.

Le polemiche, però, non sono mancate e nelle prossime settimane potrebbero esserci importanti novità su questa vicenda avvenuta a Padova.


Operaio chiede stipendio, aggredito dal suo ex datore di lavoro

Tragedia nel Veronese, due bambini sono morti nel crollo del tetto di una ghiacciaia