Ad Assisi le celebrazioni per San Francesco, patrono di Italia. Presente anche Giuseppe Conte: “Dobbiamo creare un paese solidale”.

Giornata di festa ad Assisi, teatro delle celebrazioni per la festa di San Francesco, santo patrono dell’Italia. Presente nel luogo simbolo del santo anche il premier Giuseppe Conte.

Pare Mauro Gambetti: “Urge una cultura politica”

L’intervento del premier è stato anticipato da quello di padre Mauro Gambetti. custode del Sacro Convento di Assisi, dove si sono radunati centinaia di fedeli in occasione delle celebrazioni per San Francesco.

“Oggi urge ricostruire una cultura politica […]. In Italia e in Europa abbiamo nostalgia della cultura politica. Ma oggi non si può delegare il compito politico solo a qualcuno, per quanto possa essere illuminato; né lo si può consegnare a qualche arrogante faccendiere arrivista“.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

San Francesco Assisi
Fonte foto: https://www.facebook.com/frasoleassisi

Giuseppe Conte ad Assisi: “San Francesco è un punto di riferimento per gli italiani”

San Francesco rimane un punto di riferimento per noi italiani […]. Francesco parla a tutti […]. Ci sprona a guidare le nostre azioni verso uno sviluppo che rispetti l’ambiente. Sento questo impegno cittadino, come padre La tutela dell’ambiente è un impegno che abbiamo preso e che consideriamo prioritaria per questo governo”.

Dobbiamo impegnarci a creare un Paese più giusto e solidale, un’Italia in cui chi lavora può avere qualcosa in più in busta paga, in cui i contribuenti onesti pagano meno anche grazie ai fondi recuperati dall’evasione fiscale, in cui non si tagliano risorse alla scuola, alla ricerca e alla sanità”.

Di seguito il video con l’intervento di Giuseppe Conte da Assisi

Il mio intervento alle celebrazioni per la Festa di san Francesco Patrono d'Italia. In diretta da Assisi

Pubblicato da Giuseppe Conte su Venerdì 4 ottobre 2019

Stalking a diplomatico, arrestata sceneggiatrice della RAI

Salvini, sit-in al Campidoglio: “La Raggi è una calamità, facciamola dimettere”